Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Date al genoma una chance

Date al genoma una chance

Well Being

Sono passati più di 15 anni dalla prima mappatura del genoma umano. Ma il percorso verso la democratizzazione della salute grazie a genetica e Big Data è ancora lungo.

​​È eccitante ammirare lo sviluppo delle tecnologie sul genoma. Nel 1995 Amazon già esisteva e neppure lo sapevamo. Oggi non possiamo immaginare la nostra vita senza di essa o senza l'iPhone. Allo stesso modo, adesso, possiamo scrivere il libro della vita, la sua sequenza, in una maniera molto più veloce ed economica. In questa direzione sono stati investiti 2,7 miliardi di dollari e si sono spesi 15 anni di lavoro. Oggi, leggere il libro della vita richiede meno di mille dollari e alcune ore. Soprattutto, una volta generata questa enorme massa di dati, abbiamo la capacità di elaborare, di darne un senso anche grazie a strumenti come l'intelligenza artificiale, le learning machine, che ci danno una potenzialità di calcolo sconosciuta in passato. E la genetica, il dare un senso alle informazioni che questa scienza ci offre, ci permetterà di creare nuovi farmaci - farmaci rivoluzionari - di comprendere quali terapie sono adatte per noi e quali no.

Eppure non abbiamo abbastanza dati e conoscenze sui componenti di diverse popolazioni. Passo imprescindibile se puntiamo davvero a "una medicina di precisione". Dobbiamo essere in grado di capire se vengo dall'India o dall'Italia, di sapere leggere le differenze in ognuno di noi che sono legate al patrimonio genetico. Altrimenti sarà difficile distinguere, partendo dal genoma, che cosa sta causando una determinata patologia e che cosa non ha nulla a che fare con essa.

Da poco abbiamo festeggiato il 15mo compleanno dalla pubblicazione finale del genoma umano. Eppure non abbiamo compiuto, in questo lasso di tempo, i progressi significativi che ci aspettavamo. Visto che la ricerca è andata avanti soprattutto nei Paesi occidentali, dove ci sono maggiori investimenti e dove c'è maggiore fiducia nella innovazione, l'80% delle sequenze mappate del genoma proviene dai Paesi europei, mentre il 60% del mondo è rappresentato soltanto nel 5% dei dati raccolti. Serve un riequilibrio, se non vogliamo limitare la crescita e lo sviluppo di queste attività.

La mia missione, il mio lavoro, è quello di democratizzare l'assistenza sanitaria. Di migliorarla, visto che il 90% delle sperimentazioni cliniche sui farmaci falliscono. Ma possiamo invertire la tendenza, e risparmiare moltissimi soldi, soprattutto attraverso la genetica, grazie a tecnologie e conoscenze che ci permettono di distinguere i segnali che ci mandano le malattie. Esistono già App che, inserendo la nostra sequenza genetica, ci dicono in tempo reale se posso o non posso prendere un farmaco proprio in relazione agli "errori di ortografia" nel nostro DNA. Ma a questo livello potremmo arrivare, soltanto se estremo in possesso di dati che rappresentano l'umanità in tutta la sua interezza.

 

 

I virus si combattono a tavola<img alt="" src="/PublishingImages/virus%20tavola.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/virus-tavolaI virus si combattono a tavolaUna corretta nutrizione dà una mano importante al sistema immunitario. Uno studio americano spiega perché e cosa si dovrebbe fare.Elisa-Venco2020-10-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Virus: l’immunità non basta, ma aiuta<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20immunità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/immunità-covidVirus: l’immunità non basta, ma aiutaPerché anche con l’arrivo del vaccino dovremo convivere con il Covid-19 per il resto della nostra vita. Changes ne ha parlato con il virologo Yonatan Grad.Elena-Comelli2020-09-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Malati di deforestazione<img alt="" src="/PublishingImages/deforestazione%20zoonosi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/virus-deforestazioneMalati di deforestazioneDistruggere l’ecosistema aumenta la zoonosi. Ormai il 75% delle malattie umane deriva da animali e il 60% delle malattie emergenti sono state trasmesse da animali selvatici e provoca ogni anno circa un miliardo di casi e milioni di morti.Elena-Comelli2020-08-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nuove armi contro il Covid-19<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20punto%20debole.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-tallone-dachilleNuove armi contro il Covid-19Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.Roberto-Valguarnera2020-07-01T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se la vita dopo il lockdown fa paura <img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20sindromi%20lockdown.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/coronavirus-sindromi-lockdownSe la vita dopo il lockdown fa paura La riapertura della libera circolazione in Italia fa emergere insicurezze e criticità. La vita ricomincia ma restano le sindromi da virus. Ecco perché.Elisa-Venco2020-06-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Dateci ascolto, velocità e risposte concrete<img alt="" src="/PublishingImages/consumo%20tribale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumo-tribaleDateci ascolto, velocità e risposte concreteDalle scelte di gruppo del consumo tribale agli acquisti online, il consumo mantiene le sue caratteristiche: compriamo per non sentirci soli. La pandemia ha esaltato la nostra propensione ai link sociali e i grandi marchi saranno sempre più rilevanti.Bernard-Cova2020-11-18T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Onlife: il consumatore è ibrido <img alt="" src="/PublishingImages/consumatore-ibrido.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumatore-ibridoOnlife: il consumatore è ibrido Siamo nell’era del post digitale e abbiamo capito che nel customer journey non c’è soluzione di continuità tra reale e virtuale. L’accesso ai servizi deve essere «anytime, anyway, anywhere». Luciano-Floridi2020-11-09T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Welfare Italia: dove aumentano le diseguaglianze<img alt="" src="/PublishingImages/WELFARE%20ITALIA%20regioni.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-italia-regioni-differenzeWelfare Italia: dove aumentano le diseguaglianzeNello scenario post-COVID cresce il divario della spesa privata nelle regioni e il digitale apre nuove sfide. Le anticipazioni del Rapporto del Think Tank “Welfare, Italia” del Gruppo Unipol in collaborazione con The European House-Ambrosetti.Redazione-Changes2020-11-11T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD