Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Nel collo di bottiglia dei chip

Nel collo di bottiglia dei chip

Technology

La domanda di beni elettronici e di energia pulita è esplosa. Le materie prima mancano. Perché la transizione verso la sostenibilità ha mandato in crisi domanda e offerta.

​Elettrificare i consumi significa ridurre le emissioni di Co2 e aiutare i nostri sistemi ad attenuare l'impatto dei cambiamenti climatici. È questa la convinzione su cui da anni istituzioni e imprese insistono per stimolare l'accelerazione della transizione ecologica. Una rivoluzione elettrica che coinvolge la mobilità, il mondo dei consumi domestici, le industrie e l'edilizia.

In questo contesto, tuttavia, si aggira lo spettro dell'eccezionale crisi di approvvigionamento che ha colpito tutte le materie prime e dunque anche il settore dei componenti elettronici: quello dei microchip. Sono loro infatti i componenti essenziali alla base di gran parte degli strumenti elettronici di uso quotidiano.

Minuscole placchette di silicio la cui importanza è intuibile semplicemente guardandosi attorno: dal Pc o dallo smartphone con cui state leggendo questo articolo, dall'orologio che avete al polso alla calcolatrice che usate abitualmente per i vostri calcoli, sino ai finestrini delle automobili. Tutto questo e molto altro è basato su questi microcomponenti, diventati a causa della grande richiesta elettronica sempre più di difficile reperimento.

Succede, infatti, che la scarsità dei materiali stia letteralmente mettendo i bastoni fra le ruote alle aziende che si occupano di produrre questi vitali componenti elettronici. La conseguenza è che c'è chi aumenta il prezzo di listino dei beni (come diversi produttori di elettrodomestici) oppure chi è costretto a ridurre drasticamente la propria produzione. Lo hanno chiamato “chip crunch", una vera e propria stretta nella produzione dei minuscoli microchip, su cui gran parte dell'industria elettronica si basa.

Ma a cosa è dovuta questa crisi? Accanto a una contingente esplosione della domanda di strumenti elettronici dovuta alla pandemia (pensiamo alla diffusione della Dad o dello smartworking), sono comparse anche delle difficoltà insite nelle stesse caratteristiche della catena di fornitura di questi materiali elettronici.

«Uno spaventoso effetto a collo di bottiglia, dovuto anche all'interruzione della produzione che i vari lockdown hanno causato», spiega a Changes Alberto Guidi, ricercatore ISPI. «La supply chain dei semiconduttori è infatti iper-diversificata, tanto che tra importatori ed esportatori possiamo contare oltre 60 paesi nel mondo. Una catena in cui nessun paese è in grado di essere autonomo. Se da un lato questa marcata specializzazione garantisce una grande efficienza, dall'altro espone il ciclo di fornitura a una pericolosa vulnerabilità, perché ci sono paesi che detengono il monopolio di una parte della catena di fornitura capace di bloccare tutta la restante. E come conseguenza c'è un aumento del potere ricattatorio di ciascun anello della catena».

Per questo motivo l'affare attorno ai microchip è anche un caso geopolitico. «Se alla fine degli anni '90 Usa e Europa producevano il 90% dei semiconduttori, oggi ne producono solo il 10% con un orientamento della catena spostatosi marcatamente verso Oriente e infatti circa tre quarti di tutti i chip a livello globale provengono da Cina, Giappone, Corea del Sud e Taiwan che detiene il 90% della produzione dei chip più piccoli». E l'Italia che ruolo gioca in questo scenario?

«L'Italia non è una grandissima protagonista del mercato dei semiconduttori dal punto di vista della produzione, come in generale non lo è tutta l'Europa», sottolinea a Changes Gabriele Braga, Managing Board ANIE Componenti Elettronici di Confindustria. «Diverso è invece il discorso se si guarda il lato della ricerca, dove attraiamo molte aziende americane che hanno centri di ricerca nel nostro paese». Dunque, la crisi ci riguarda in maniera marginale? «Nient'affatto. L'Italia ha una struttura economica notoriamente costituita da piccole aziende molto attive nella progettazione e nell'assemblaggio dei componenti. PMI che in questa crisi sono state strozzate ancora di più rispetto ai grandi colossi internazionali, che avendo volumi nettamente superiori hanno avuto la precedenza nella fornitura dei materiali. E tutto questo ha creato impatti spesso letali per le nostre piccole aziende».

Per tutte queste ragioni nel nome dell'autarchia produttiva tutti i paesi al mondo hanno lanciato negli ultimi anni vasti programmi d'investimento. In USA la nuova amministrazione Biden ha promosso l'American Jobs Act e il CHIPS for American Act con cui è stato lanciato un piano di investimenti in ricerca e sviluppo da 50 miliardi in 5 anni con l'intento di costruire nuove fabbriche e attrarre anche i grandi produttori. L'Europa dal lato suo lo scorso dicembre ha dato avvio all'European Initiative, con cui sono stati stanziati nel bilancio 60 miliardi di euro con l'obiettivo di raddoppiare entro il 2030 al 20% la sua quota di produzione di chip. E in questo scenario come si sta muovendo la Cina? «Pechino – ci dice Guidi – è il più grande importatore di chip al mondo e ha mancato l'obiettivo del suo Tredicesimo Piano Quinquennale, quando si poneva l'obiettivo di produrre entro il 2025 il 70% dei chip venduti nel paese. Ad oggi questa quota è appena del 27%, perciò nel Quattordicesimo Piano Quinquennale sono stati ulteriormente aumentati i fondi per la costruzione di nuove fabbriche e per gli investimenti in ricerca e sviluppo».

Ma quanto durerà ancora questa crisi della catena di fornitura dei chip? «Difficile fare previsioni – ci dice Gabriele Braga - ma quello dei semiconduttori non è un mondo dove si improvvisa. Ci vogliono tre anni per fare una fabbrica nuova, oltre agli ingenti investimenti, e per convertirne una che faceva altro». In più la domanda del mercato non è destinata a calare, anzi è in crescita. L'organizzazione World semiconductor trade statistics (Wsts) prevede per il 2021 una crescita del 20% per il mercato dei semiconduttori, che a fine anno dovrebbe arrivare così a valere 527 miliardi di dollari. «Questi due elementi portano a pensare che l'attuale crisi nel settore elettronico avrà ancora una coda ancora molto lunga». E sulla strada della tanto auspicata elettrificazione questo non è un ostacolo da poco. ​

 

 

Il metaverso entra in tv<img alt="" src="/PublishingImages/metaverso-televisione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/metaverso-televisioneIl metaverso entra in tvLa televisione si trasferisce nell’universo Android, iOS, Apple, Google, Amazon, Meta. E questo avrà impatti fortissimi sia sui contenuti audiovisivi e sull’hardware degli apparecchi. Claudio-Plazzotta2021-11-30T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il futuro passa dal LED <img alt="" src="/PublishingImages/led.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/ledIl futuro passa dal LED Dagli studi sul potere battericida al Li-Fi fino al risparmio energetico. Una luce può cambiare le nostre case e le nostre abitudini. Ecco cosa è utile sapere.Letizia-Palmisano2021-10-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come può cambiare Internet <img alt="" src="/PublishingImages/internet%20futuro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/futuro-internetCome può cambiare Internet Cinque strade maestre conducono verso le nuove frontiere della Rete. Dal Quantum alla luce fino al 6G il futuro si sta già scrivendo oggi. Luca-Politi2021-10-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cybersecurity: serve una rivoluzione culturale <img alt="" src="/PublishingImages/cyber-attacchi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurity-attacchiCybersecurity: serve una rivoluzione culturale L’attacco informatico alla Regione Lazio ha evidenziato la vulnerabilità informatica della nostra PA. Così è stata costituita l’Agenzia Unica per la Cybersicurezza. Changes ne ha parlato con Ranieri Razzante.Luca-Politi2021-10-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Addio vecchia tv<img alt="" src="/PublishingImages/nuovo%20tv.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dvbAddio vecchia tvCon il nuovo digitale terrestre milioni di televisori e decoder sono da rottamare. Come farlo correttamente e come usufruire del bonus.Letizia-Palmisano2021-09-19T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Largo ai Super User<img alt="" src="/PublishingImages/Super-User-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/super-user-consumiLargo ai Super UserChi sono, cosa fanno e perché possono essere così utili ai cambiamenti che le aziende stanno affrontando a patto di sapersi mettere in ascolto.Antonio-Belloni2021-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD