Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Nuove armi contro il Covid-19

Nuove armi contro il Covid-19

Well Being

Continua la lotta al coronavirus nei laboratori di tutto il mondo. In prima fila anche i ricercatori italiani le cui scoperte aprono scenari inediti nella lotta alla pandemia. Ecco gli studi condotti dal CNR/ISPRO e all’Università di Pavia.

​Per sconfiggere un nemico subdolo e resistente spesso la strada migliore è trovare i suoi punti deboli e attaccarlo ai fia​nchi, piuttosto che cercare di contrastarlo frontalmente. È proprio quello che stanno cercando di fare un gruppo di ricercatori italiani che sono riusciti nell'intento di dimostrare che i nostri processi cellulari sono in grado di “hackerare" il codice genetico del Sars-CoV-2, mediante un processo noto come “editing" dell'RNA, con l'obiettivo di attivare una risposta immunitaria delle cellule contro l'ospite indesiderato.​

Lo studio condotto dal gruppo coordinato da Silvo Conticello, dell'Istituto di fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa (CNR-IFC) e dell'Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO), in collaborazione con Giorgio Mattiuz dell'Università di Firenze, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Science Advances. Come spiega lo stesso ricercatore «l'hackeraggio del codice genetico avviene attraverso un processo chiamato editing dell'RNA. Il nostro team di lavoro è riuscito a sfruttare la tecnica usata per ottenere la sequenza dei genomi virali per identificare mutazioni a bassa frequenza, introdotte dalle nostre cellule con lo scopo di attuare un meccanismo di difesa. Purtroppo questo meccanismo immunitario non sempre porta al risultato sperato, anzi queste mutazioni possono fornire 'benzina' per l'adattamento del virus». Al di là del valore riconosciuto dalla comunità scientifica che ha deciso di pubblicare lo studio made in Italy, avviato alla fine di gennaio scorso, poche settimane dopo lo scoppio dell'epidemia di coronavirus, in molti si chiedono quali ricadute concrete possa avere questa scoperta, soprattutto in attesa che si scopra un vaccino.

«Anche se il solo editing dell'RNA non è in grado di contrastare l'infezione – spiega Conticello - averlo individuato mette in evidenza uno dei talloni d'Achille del virus. E lo sviluppo di strumenti in grado di migliorare l'efficienza di quel processo potrebbe gettare le basi per terapie precoci, con un approccio valido non solo contro il Sars-CoV-2, ma anche contro altri tipi di virus. Inoltre, nel breve termine, l'analisi delle mutazioni inserite dagli ADAR e dagli APOBEC, il gruppo di enzimi responsabili dell'editing dell'RNA, può aiutarci a individuare regioni del genoma virale importanti per il suo ciclo vitale. Grazie a quest'informazione potrebbe essere possibile sviluppare delle terapie mirate per frenare la replicazione del virus all'interno della cellula, rallentando o bloccando l'infezione».

Mentre alcuni scienziati sono alla ricerca di armi per arricchire l'arsenale contro il Covid-19 ce ne sono altri all'opera per mitigare gli effetti del virus su chi si è ammalato. Un team di ricercatori del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell'Università di Pavia ha messo a punto una sofisticata tecnica, pubblicata sulla rivista Cells, per ottenere un secretoma in polvere, liofilizzato, e non liquido, per trattare le polmoniti da coronavirus. Questa sorta di cocktail si è già dimostrato efficace nei test di laboratorio. Adesso la tecnica sviluppata in Italia, come riportato dall'Ansa, consente di liofilizzare le sostanze e confezionarle in fiale  proprio come avviene con qualsiasi farmaco. Secondo i ricercatori ci sarebbero anche evidenti vantaggi in termini di costi: una buona notizia in particolare per i Paesi in via di Sviluppo che hanno tradizionalmente problemi di approvvigionamento. Il secretoma, secondo le analisi condotte dagli scienziati, può avere un effetto terapeutico e una funzione rigenerativa sull'apparato respiratorio colpito da Covid.

Sempre nella città lombarda, al Policlinico San Matteo, gli sforzi sono concentrati sulla terapia anti-Covid basata sul plasma iperimmune. La tecnica messa a punto per affrontare l'emergenza dei durante i momenti più difficili della pandemia con lo scopo di alleggerire la pressione sulle terapie intensive letteralmente intasate dall'afflusso di malati, ha dato buoni risultati tanto che il nosocomio universitario riceve richieste anche da altre regioni di sacche di plasma. E adesso la sperimentazione, avviata il 18 marzo e conclusa l'8 maggio, si allarga a Mantova con il coinvolgimento dei malati delle Rsa (120 fino a questo momento) selezionati fra gli ospiti delle strutture cittadine positivi al virus con polmoniti che presentano un quadro di insufficienza respiratoria non gravissima. L'uso di plasma come profilassi di malattia è conosciuto da più di cinquant'anni e ha trovato largo impiego anche nell'ultima epidemia provocata dal virus Ebola in Liberia che fra il 2013 e il 2016 ha provocato più di undicimila morti nel Paese dell'Africa occidentale.


 

 

Vaccino Covid: 10 cose da sapere<img alt="" src="/PublishingImages/vaccino-covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/vaccino-covidVaccino Covid: 10 cose da sapereFidarsi o non fidarsi? Changes ne ha parlato con Antonio Clavenna, responsabile dell’unità di farmacoepidemiologia presso l’istituto Mario Negri di Milano. Elisa-Venco2020-12-13T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nomadi digitali: occasione per l’economia<img alt="" src="/PublishingImages/nomadi%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nomadi-digitaliNomadi digitali: occasione per l’economiaL’home working ha rivoluzionato il modo di lavorare e l’organizzazione delle aziende e può diventare una nuova leva economica per i bilanci statali. Changes ne ha parlato con Guido Maria Brera.Nadia-Anzani2020-12-01T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Covid, un acceleratore di cambiamento<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20cambiamenti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-cambiamentiCovid, un acceleratore di cambiamentoLa pandemia sta comportando dei mutamenti profondi fornendo ai ricercatori materia di studio affascinante anche in ambito sociale come evidenziato in una tavola rotonda organizzata da Cubo Unipol in vista de la Notte dei Ricercatori.Roberto-Valguarnera2020-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Mega Regioni: le nuove mappe del Covid<img alt="" src="/PublishingImages/mega%20regioni%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/mega-regioni-covidMega Regioni: le nuove mappe del CovidI motori delle economie globali non saranno gli Stati e neppure le grandi megalopoli, ma la combinazione di multiple metro aree, che amalgamano interconnessioni fisiche, produzioni e grandi mercati di consumo.Antonio-Belloni2020-10-28T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La vita è on demand <img alt="" src="/PublishingImages/dieta%20mediatica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dieta-mediatica-covidLa vita è on demand Tra smart working, consumo di intrattenimenti online, social media la vita sociale è ridotta al minimo e tutto diventa condivisione e fruizione digitale a richiesta. Un segnale per i pubblicitari.Claudio-Plazzotta2020-10-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Office economy: gestire lo spazio <img alt="" src="/PublishingImages/office-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/office-economyOffice economy: gestire lo spazio L’ufficio è al centro della scena. Il suo svuotamento mette in crisi l’economia che ci gira intorno, e la sua riorganizzazione interna sarà decisiva per tornare a viverlo. Ma con quali regole e spazi?Antonio-Belloni2021-01-04T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Workplace: otto trend per il 2021<img alt="" src="/PublishingImages/workplace-2021.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/workplace-2021Workplace: otto trend per il 2021Formazione, fiducia, inclusione e sicurezza. I cambiamenti destinati a ridisegnare le strategie delle aziende e l’approccio delle persone al lavoro.Nadia-Anzani2020-12-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’auto elettrica carica le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/nodi%20elettrici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nodi-elettriciL’auto elettrica carica le batterieLe vetture alla “spina” sono ancora una nicchia: tanti nodi rimangono da sciogliere e intanto si studiano nuove soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.Roberto-Valguarnera2021-01-06T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD