Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Nuove regole in società

Nuove regole in società

Society 3.0

I cambiamenti sociali sono al centro del dibattito al tempo della pandemia. L’economista Cass Sunstein li analizza in un saggio che mette in discussione valori e comportamenti.

​​Mai come in tempi di pandemia, il tema dei cambiamenti sociali e di come essi avvengono è diventato centrale nel dibattito e nell'agenda dei policy maker: basti pensare all'abitudine di indossare una mascherina in luoghi affollati che, fino a qualche mese fa, al massimo guardavamo con occhi dubbiosi nelle grandi città orientali, a Tokyo o a Pechino. A ben pensarci, indossare una mascherina in un luogo dove è impossibile garantire una distanza minima (una metropolitana all'ora di punta, strade trafficatissime) è un semplice gesto di rispetto per sé e per gli altri.

Eppure ci è voluta una pandemia per mutare l'inerzia. Un libro dedicato all'analisi dei cambiamenti attraverso il contributo delle scienze comportamentali è proprio How change happens, di Cass Sunstein, l'autore insieme a Richard Thaler del celeberrimo Nudge. Sunstein affronta il tema del cambiamento sociale in sedici capitoli che mettono al centro il ruolo delle norme sociali e dei valori, allo stesso tempo potenti e fragili. Potenti quando, vuoi per imitazione sociale o per consuetudine, una certa norma si cristallizza all'interno della società diventando routine: può trattarsi di un comportamento positivo (si sta in silenzio in una biblioteca) o di un comportamento negativo (non faccio la raccolta differenziata perché nessuno attorno a me la fa e nessuno punisce l'azione deviante).

Eppure le norme sociali sono anche fragili quando basta davvero un piccolo evento iniziale per scatenare una rivoluzione e una norma che sembra consolidata crolla nel giro di un attimo. Il saggio di Sunstein è ricco di esempi e descrive nel dettaglio diversi fattori e modalità con cui una norma sociale può prima affermarsi e poi essere modificata: per invogliare il lettore curioso, tuttavia, la cosa migliore è citare l'episodio con cui il libro si apre. Sunstein, con una lunga carriera di professore universitario alle spalle, racconta una storia piuttosto illuminante, vissuta in gioventù. Un giorno, mentre passeggiava per i corridoi dell'università, vide un professore piuttosto anziano accarezzare i capelli di una studentessa. Sunstein avvicinò la studentessa mostrando tutti i suoi dubbi sull'opportunità di quel gesto da parte del professore e la ragazza gli rispose: «Non c'è alcun problema, è tipico delle persone più anziane e davvero non mi disturba».

Dopo mezz'ora, però, la studentessa si presentò nell'ufficio di Sunstein e, scoppiando in lacrime, disse che non tollerava quel comportamento e che il professore anziano lo faceva da tempo senza che lei avesse mai avuto il coraggio di muovere anche soltanto un appunto. Perché un episodio simile è illuminante? Perché mostra una caratteristica delle norme sociali che va tenuta in considerazione: molto spesso le persone non rivelano ciò che effettivamente provano, ma solo quello che si pensa la società reputi accettabile.
Gli esseri umani, insomma, in determinate circostanze, falsificano quelle che nelle scienze sociali si chiamano “preferenze" e che sono di fatto giudizi di merito sulle azioni più corrette da perseguire in ogni contesto. Se, però, esistono a volte delle “preferenze latenti", quella è un'occasione di cambiamento radicale della norma, ciò che appunto ne evidenzia a un tempo la forza (è difficile ribellarsi) ma anche la fragilità (quando appare evidente che una norma può essere modificata, sempre più persone salgono a bordo e cambiano le cose).

Se pensate al MeToo, potete capire il meccanismo: alcuni coraggiosi denunciano e rendono visibile la possibilità di un cambiamento sociale. L'evidenza della possibilità stessa incoraggia anche altre persone a denunciare la norma sociale da modificare e la massa critica cresce fino al punto di rottura.

Ovviamente la polarizzazione in gruppo, l'imitazione sociale, il ruolo di nodi chiave della rete (celebrità che denunciano la norma da cambiare, come i giocatori NBA che protestano contro gli episodi di razzismo in USA) sono tutti fattori che impattano sulla velocità e sulla modalità del cambiamento. E ahimè, non sempre il cambiamento è “in positivo": pensate ai contesti in cui le preferenze da rivelare riguardano comportamenti razzisti diffusi (o discriminatori). Quando una massa critica di haters, per esempio, agisce in una società in cui commenti razzisti diventano socialmente accettati, allora il cambiamento vira velocemente verso il disastro.
Quello che Sunstein ribadisce comunque a chiare lettere nel suo libro è, in definitiva, il ruolo importantissimo della cosiddetta “human agency": la capacità cioè delle persone di scegliere un corso d'azione che esprima controllo sulla propria vita. È un delicato equilibrio di consapevolezze e vulnerabilità che, tuttavia, può essere la chiave di volta per il cambiamento sociale.

 

 

Brand: la fedeltà è un ideale<img alt="" src="/PublishingImages/brand-fedeltà.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/fedeltà-brandBrand: la fedeltà è un idealeI nuovi consumatori non si accontentano più di un marchio forte e di prezzi concorrenziali. Adesso conta di più la prossimità e la condivisione di valori. Le iniziative Gruppo Unipol.Elisa-Venco2021-01-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Office economy: gestire lo spazio <img alt="" src="/PublishingImages/office-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/office-economyOffice economy: gestire lo spazio L’ufficio è al centro della scena. Il suo svuotamento mette in crisi l’economia che ci gira intorno, e la sua riorganizzazione interna sarà decisiva per tornare a viverlo. Ma con quali regole e spazi?Antonio-Belloni2021-01-04T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Workplace: otto trend per il 2021<img alt="" src="/PublishingImages/workplace-2021.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/workplace-2021Workplace: otto trend per il 2021Formazione, fiducia, inclusione e sicurezza. I cambiamenti destinati a ridisegnare le strategie delle aziende e l’approccio delle persone al lavoro.Nadia-Anzani2020-12-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Dove nasce la cultura occidentale<img alt="" src="/PublishingImages/cultura%20occidentale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cultura-occidentaleDove nasce la cultura occidentaleL’individualismo, l’anonimato, la contaminazione tra diversi in un contesto urbano sono il pavimento della nostra società secondo la teoria dalle mille domande del biologo dell’età evolutiva Joseph Heinrich.Luciano-Canova2020-12-27T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sopravvivere al lockdown del tempo libero<img alt="" src="/PublishingImages/lockdown-tempo-libero.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/natale-tempo-liberoSopravvivere al lockdown del tempo liberoLa nostra vita è stata rivoluzionata e tutto o quasi tutto si perimetra tra le quattro mura di casa. Sei consigli di buon senso per sfruttare bene il tempo tra uno schermo e l’altro.Giampaolo-Colletti2020-12-20T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Tutti dietro lo scudo cyber<img alt="" src="/PublishingImages/cybersicurezza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurityTutti dietro lo scudo cyberSmart working, scuola a distanza e digitalizzazione hanno aumentato le minacce che arrivano da hacker e pirati informatici. A che punto è l’evoluzione della cybersecurity in Italia? L’impegno del Gruppo Unipol.Luca-Politi2021-01-12T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’eolico galleggia<img alt="" src="/PublishingImages/eolico%20offshore.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/eolico-offshoreL’eolico galleggiaIl mare è già la nuova frontiera dell’energia alternativa alimentata dal vento. I parchi marini offshore crescono del 30% all’anno e potrebbero diventare una fonte illimitata.Elena-Comelli2021-01-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’auto elettrica carica le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/nodi%20elettrici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nodi-elettriciL’auto elettrica carica le batterieLe vetture alla “spina” sono ancora una nicchia: tanti nodi rimangono da sciogliere e intanto si studiano nuove soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.Roberto-Valguarnera2021-01-06T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD