Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Cosa serve alle città smart

Cosa serve alle città smart

Sharing

Il processo di digitalizzazione delle città si concentra in energia e trasporti. Ma senza un buon sistema sanitario integrato e alti livelli di formazione, la magia non si compie.

​Immaginate una città con Wi-Fi gratuito in tutte le aree pubbliche. Una città dove i bambini imparano a programmare App sin dalle scuole elementari. Un luogo in cui è disponibile l'illuminazione on demand e sono persino presenti sensori che ti dicono dove c'è disponibilità di parcheggio. Una città che ti ricorda quando buttare via la spazzatura. Una città in cui è possibile accedere a un'infinita quantità di informazioni e che utilizza algoritmi innovativi per coordinare la capacità ospedaliera e di vaccinazione di tutte le strutture disponibili. Un sogno? In effetti sì. Almeno per ora. Perché se è vero che diverse città del mondo hanno già cominciato a progettare molti di questi servizi, è altrettanto vero che non ne esiste nemmeno una in grado di fornirli tutti insieme e in modo integrato. E nella stragrande maggioranza dei casi non vi è neppure un piano per farlo nel futuro prossimo. Perché la trasformazione di una città in una smart city richiede un processo di cambiamento complesso che necessita di 4 fattori chiave:

  1. una profonda innovazione delle infrastrutture;
  2. una accurata valorizzazione del territorio;
  3. un radicale cambiamento delle attitudini dei cittadini;
  4. una intelligente riprogettazione degli spazi pubblici.​

Trasporti ed energia rubano la scena a salute e istruzione

 
Andando maggiormente nel dettaglio, è abbastanza evidente come le principali strategie riguardanti smart city siano spesso focalizzate su determinati settori. Come confermato da un recente studio Roland Berger basato sull'analisi delle iniziative messa a segno in ambito smart city in 87 città a livello mondo, queste mancano di un sistema completo, e tendono a focalizzarsi su settori tradizionali come quello dei trasporti, quello energetico e sul government. Prestando minore (se non nulla) attenzione in ambito salute, health ed education intesa come istruzione e formazione.
Digitalizzare il sistema dei trasporti, l'approvvigionamento energetico e l'accesso dei cittadini ai servizi della pubblica amministrazione è, certamente, un ottimo punto di partenza sulla strada per la costruzione di una smart city. A patto però che non si perda di vista la strategia complessiva. Concentrarsi troppo su alcuni settori, tralasciandone altri che possono essere ugualmente o in alcuni casi ancora più rilevanti, può produrre un risultato non equilibrato. I centri urbani devono sviluppare un sistema interconnesso e integrato, unendo aree diverse che appaiono tradizionalmente distanti tra loro: energia, trasporti, governo, sanità, educazione e così via, per implementare un sistema complesso che includa tutte le diverse necessità della vita dei singoli.

Se è vero che la reason why dello sviluppo di una smart city è in ultima istanza quella di generare benefici per i cittadini, le iniziative di health ed education non possono rimanere in secondo piano. Diversi sono gli esempi: in ambito health, servizi come telemedicina, integrated health information systems, tecnologie innovative di assistenza agli anziani, con l'obiettivo di riuscire a sfruttare le nuove tecnologie per fornire un servizio avanzato e vicino al cliente; in ambito education, la creazione di piattaforme per l'apprendimento di competenze digitali, con l'obiettivo di creare un sistema che faciliti e incentivi ricerca e apprendimento, al fine di preparare i cittadini a un mondo sempre più digitale.​

Singapore e Chicago: due casi di eccellenza


Secondo l'analisi Roland Berger, Singapore e Chicago risultano essere tra i maggiori investitori in ambito rispettivamente health ed education. Singapore, in particolare, si distingue per l'attenzione in ambito health, anche attraverso la collaborazione tra il Governo e il National Healthcare Group. HealtHub, prima piattaforma digitale lanciata nel 2016 per informazioni e servizi sanitari a Singapore, rappresenta infatti uno dei principali successi in questo ambito su scala globale perché consente ai pazienti di accedere alle proprie cartelle sanitarie e prendere appuntamenti con grande rapidità.
A partire dal suo lancio, più di 55.000 cittadini hanno scaricato l'app che va ad aggiungersi ad altri servizi offerti o in via di sviluppo: dai sistemi innovativi per la gestione delle pratiche amministrative dei pazienti (Closed Loop Medication Management System), alla messa in rete di device e wearable per la raccolta e analisi di informazioni (Medical Device Integration), fino all'assistenza remota in fase di consultazione medica e riabilitazione (Smart Health Video Consultation).

Chicago, d'altro canto, guida la classifica delle iniziative nella Smart Education, con oltre 20 iniziative raggruppate in 5 macro aree e perseguite attraverso partnership tra la città e i principali protagonisti locali sul piano della cultura e della formazione: Chicago Public Schools (CPS), City Colleges of Chicago (CCC) e Chicago Public Library (CPL). Connect Chicago è una delle iniziative più rappresentative, e prevede la predisposizione di un network di oltre 250 laboratori di computer con accesso gratuito a Internet e a corsi dedicati per rafforzare le competenze digitali degli utenti. Le CPS stanno introducendo su larga scala i Geek Club, per esporre gli studenti alle ultime tecnologie e favorire il contatto con i protagonisti dell'innovazione, e i Chicago Summer of Learning, che coinvolgeranno oltre 60.000 bambini in varie attività volte allo sviluppo di competenze digitali. I risultati si iniziano a vedere in tutta Chicago. Anche in uno dei quartieri più malfamati come quello di Englewood, dove tre studenti di sedici anni, completato il programma IT Connect – First Stop Chicago, sono riusciti a lanciare la loro start up, "VIP Production", grazie all'aiuto di The Englewood Accelerator fondato dal GECDC. A buon intenditor.

 

 

Covid, lo sharing si fa “mini”<img alt="" src="/PublishingImages/micromobility.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/micromobilitàCovid, lo sharing si fa “mini”Con la pandemia anche la mobilità sta cambiando volto e i servizi in condivisione puntano sempre più su veicoli piccoli e sostenibili.Roberto-Valguarnera2021-01-19T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il regalo è sostenibile<img alt="" src="/PublishingImages/natale-sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/natale-sostenibileIl regalo è sostenibileCome individuare i marchi ecologici da mettere sotto l’albero di Natale. Guida all’acquisto consapevole che tiene conto dei principi di sostenibilità ambientale.Roberta-Lazzarini2020-12-15T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La vita è on demand <img alt="" src="/PublishingImages/dieta%20mediatica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/dieta-mediatica-covidLa vita è on demand Tra smart working, consumo di intrattenimenti online, social media la vita sociale è ridotta al minimo e tutto diventa condivisione e fruizione digitale a richiesta. Un segnale per i pubblicitari.Claudio-Plazzotta2020-10-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il riciclo cambia la manifattura <img alt="" src="/PublishingImages/rimanifattura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/rimanifatturaIl riciclo cambia la manifattura La spinta verso la sostenibilità stimola anche le filiere a progettare nuovi prodotti ideati, disegnati e costruiti per essere riciclati. I vantaggi del re-manufacturing.Antonio-Belloni2020-08-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Fase 2: la sharing economy riparte<img alt="" src="/PublishingImages/covid-sharing.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sharingFase 2: la sharing economy riparteIl distanziamento sociale è un colpo mortale per il settore dell’economia condivisa? Forse no. Ecco i sei settori in cui il modello resiste, ridefinendo la propria missione e cercando di tornare al suo spirito originario.Luca-Politi2020-06-10T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La Circular economy sale a bordo delle auto<img alt="" src="/PublishingImages/automotive%20e%20circular%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/automotive-circular-economyLa Circular economy sale a bordo delle autoL’industria dell’automotive è da sempre capofila di innovazione, anche dei processi produttivi. Oggi la sfida è di realizzare un’industria a bassissimo impatto ambientale.Roberto-Valguarnera2021-02-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Motivazione e dove trovarla<img alt="" src="/PublishingImages/goal.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/goal-gradient-effectMotivazione e dove trovarlaAvete iniziato l’anno un po' stancamente e cercate nuove motivazioni? Il goal gradient effect è la soluzione per un download della voglia di fare senza intoppi. Anche in tempo di pandemia.Luciano-Canova2021-02-08T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD