Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La fine del turismo di massa

La fine del turismo di massa

Society 3.0

Come viaggeremo dopo il lockdown? Quali saranno i comportamenti che guideranno il consumatore in un settore che vale il 13% del PIL? Il settore proverà a ripartire, sfruttando nuove tendenze che cambieranno il nostro modo di viaggiare.

​​Il selfie su Instagram ritrae un gruppo di amici in riva al mare: si abbracciano e sorridono, dopo una frugale colazione in un bar affollato, e una notte, chissà, in qualche discoteca o ristorante del litorale. Gli amici avranno soggiornato in albergo, oppure in qualche più conveniente home sharing della zona ed ora si apprestano a vivere la loro giornata al mare.

Tranquillità, sicurezza, fiducia, spensieratezza. Sono tanti i sentimenti associabili a quell'immagine. Sensazioni che oggi appaiono davvero lontane. Dopo la crisi legata al nuovo coronavirus, dopo il confinamento domiciliare, dopo il lockdown e le città deserte, torneremo a vivere quella sicurezza nel presente? Ritroveremo la leggerezza di quel “prendere e partire"? Insomma, torneremo a voler viaggiare?

«Probabilmente nel lungo periodo sì, l'istinto turistico è forte e rinasce. Ma sicuramente nei prossimi mesi no». Ce lo dice il professore Gabriele Menella, docente di Sociologia del Turismo all'Università di Bologna. «Anche quando le misure si allenteranno, nel breve e nel medio periodo il settore turistico andrà incontro ad un cambiamento radicale, con un'inevitabile crisi inziale dovuta alla paura e a un senso generalizzato di insicurezza». Il settore turistico, tra tutti i diversi comparti, è senza dubbio quello che maggiormente si fonda sulla fiducia. Da sempre le stagioni caratterizzate da alti indici di fiducia dei consumatori, sono quelle con il maggiore incremento dei flussi turistici. L'equazione è semplice: senza fiducia non si viaggia.

E allora nei prossimi mesi resteremo a casa in una sorta di confinamento volontario, aspettando un vaccino liberatore? Non proprio, almeno a sentire gli esperti. Il professore Arsenio Savelli è un sociologo, autore di Sociologia del Turismo, edito da Hoepli, uno dei più studiati manuali che indagano il comportamento alla base del consumo turistico. «La tendenza potrebbe essere quella di sfuggire dalle situazioni di massa e ritrovare la distanza - ha dichiarato Savelli a Changes - Nelle nostre vacanze cercheremo un modello diverso, basato sulla singolarità dell'esperienza, sceglieremo per spostarci mezzi privati, in un turismo di prossimità ce ci farà riscoprire i tesori delle nostre regioni e città». Una fuga dal turismo di massa, insomma, dopo una crisi che ha portato con sé una straordinaria dose di ansia da contatto fisico. «Quello a cui potremmo assistere nei prossimi mesi – sottolinea sempre il Prof. Savelli - è un'accentuazione di tendenze già presenti nell'evoluzione del turismo degli ultimi anni. Il passaggio dalla società industriale a postindustriale, infatti, è stato caratterizzato nel campo turistico da un abbandono delle esperienze di massa, che pur sopravvissute, sono state affiancate dallo sviluppo di un turismo soggettivo, legato alla propria cultura individuale e individualizzato».

Come in altri campi, anche in quello turistico, emergeranno movimenti sino ad oggi sottotraccia, destinati a incidere su un comparto che vale il 13% del PIL nazionale. Sono svariate le stime sul crollo dei fatturati, perdita di posti di lavoro e di quote di mercato, ma «a preoccupare oggi maggiormente è l'impossibilita di stimare il periodo di durata della crisi», come spiega a Changes Marina Lalli, vicepresidente di Federturismo. «A differenza del settore manifatturiero, che appena riparte ricomincia a produrre, noi quando riapriremo inizieremo solo a programmare la ripartenza». Un processo lungo, quello turistico, che sarà sicuramente investito da un cambiamento di regole e prassi: dalla ricezione, alla ristorazione, dalla fruizione culturale al mondo dei trasporti. «Noi siamo consapevoli che ci saranno delle regole da scrivere – ammette Marina Lalli – per questo vogliamo partecipare in prima persona alla loro redazione. Siamo noi in primis che vogliamo ripartire in sicurezza».

Nei prossimi mesi cambieranno le nostre abitudini, ci dicono da più parti. Viaggeremo con mezzi privati, evitando aeroporti e stazioni, dove gli stringenti controlli potrebbero scoraggiarne la frequentazione. E poi dovremmo abituarci (chissà per quanto tempo) a lunghe file, a musei con ingressi molto cadenzati, a mascherine sempre indossate forse anche in spiaggia e a ristoranti con tavoli distanziati e meno affollati (con il rischio che la diminuzione dei coperti faccia aumentare i prezzi). Un drastico cambiamento, insomma, vero discrimine con le crisi del passato.

«Rispetto al calo turistico causato dal terrorismo, per esempio, oggi la minaccia è più pervasiva – sottolinea il professore Savelli -  Non c'è Parigi o Nizza, c'è il mondo percepito come tutto pericoloso. La minaccia è indefinita e riguarda tutto e tutti». Secondo un dossier dell'Organizzazione Mondiale del Turismo nel 2002, dopo gli attentati del World Trade Center a New York, il calo turistico fu del 2%, nel 2003, dopo l'epidemia di Sars dello 0,4%, mentre nel 2009, al culmine della crisi economica globale, il segno meno fu del 4%. Ed oggi? Secondo l'Organizzazione Mondiale del Turismo la crisi da Covid-19 potrebbe avere un impatto globale sul turismo del 20-30%. Tutta un'altra storia.

Ma forse proprio da questo sommovimento può nascere anche qualcosa di innovativo e benefico. «La crisi economica del 2008 – conclude il Prof. Manella – favorì l'esplosione della sharing economy che andò incontro a budget economici ridotti mettendo in condivisione mezzi di trasporto e case, oggi potremmo assistere ad un turismo più responsabile e sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale, grazie alla maggiore percezione di sicurezza legata a questo turismo slow».

Tutto possibile, certo, ma anche tutto difficile da stimare. «Siamo imprenditori e siamo abituati a convivere con il rischio. Ma oggi – denuncia Marina Lalli di Federturismo – il nostro spaesamento sta proprio nel ​fatto che questo rischio è impossibile da determinare e prevedere». E convivere con qualcuno o qualcosa che non si conosce affatto non è mai troppo semplice.

 

 

Nomadland e nomadi digitali: esistenze parallele<img alt="" src="/PublishingImages/nomadi%20digitali.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nomadi-digitali-(2)Nomadland e nomadi digitali: esistenze paralleleLa tecnologia cambia il lavoro e l’atmosfera che passa dalla rassegnazione del film vincitore del premio Oscar all’innovazione precaria dei giovani pionieri delle nuove occupazioni.Elisa-Toma2021-06-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La digital disruption non distrugge la strategia<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20distruption.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-disruptionLa digital disruption non distrugge la strategiaPerché oggi per essere competitivi occorre pensare in modo differente, essere anticonformisti e cavalcare la transizione digitale avendo una chiara visione del futuro.Filippo-Poletti2021-06-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il tempo da perdere<img alt="" src="/PublishingImages/gestione%20tempo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/gestione-tempoIl tempo da perdereL’esercizio più difficile cha abbiamo fatto nell’ultimo anno e mezzo è stato gestire le ore della giornata. Tra prove ed errori la scienza ci aiuta a cambiare prospettiva. Monica-Bormetti2021-06-13T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è vita oltre il PIL?<img alt="" src="/PublishingImages/un%20altro%20pil.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/oltre-il-pilC’è vita oltre il PIL?Nato dopo la Grande Crisi del 1929, il Prodotto Interno Lordo è ancor’oggi l’indice-guida per capire lo stato economico delle Nazioni. Ecco perché nonostante i tanti tentativi di superarlo il PIL rimane ancora in auge.Luca-Politi2021-05-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Grammatica del nuovo mondo<img alt="" src="/PublishingImages/grammatica%20nuovo%20mondo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/era-del-noiGrammatica del nuovo mondoBenvenuti nell’era del noi. Se c’è una parola che la pandemia ci ha fatto riscoprire è proprio questa. Ci ha fatto rileggere, cioè, la parola io all’incontrario con l’aggiunta della lettera “n”.Filippo-Poletti2021-05-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Economia circolare: dalla terra alla terra <img alt="" src="/PublishingImages/bioeconomia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/economia-circolare-terraEconomia circolare: dalla terra alla terra Cinque storie italiane di bioeconomia che usano in maniera efficiente le risorse, riducono gli sprechi, tutelano la terra e la biodiversità. Letizia-Palmisano2021-06-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Condividere le emozioni fa bene al lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/emozioni-lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/condividere-emozioniCondividere le emozioni fa bene al lavoroLa storia di Paolo Raineri che studiando i comportamenti degli elefanti marini ha fondato Yumi che dà un valore agli elementi intangibili.Antonio-Belloni2021-06-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD