Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Con il chip meno cavie nei laboratori

Con il chip meno cavie nei laboratori

Well Being

Un team di ricercatori dell’Università di Pisa ha realizzato un mini-fegato che consentirà di ridurre in un prossimo futuro la sperimentazione animale.

​​Laboratori senza cavie: un auspicio non tanto privo di fondamento grazie ai mini-organi su chip che sono da considerare sempre più attendibili ai fini della sperimentazione farmacologica. A confermarlo un nuovo studio condotto dall'Università di Pisa, all'avanguardia nella ricerca sui modelli di organo artificiale, pubblicato dalla prestigiosa rivista internazionale Advanced Functional Materials e condotto dal team di ricerca di Giuseppe Barillaro del dipartimento di Ingegneria dell'Informazione, con la collaborazione del gruppo di Nico Voelcker della Monash University, in Australia.

Gli studiosi sono riusciti, dopo tre anni di lavoro, a realizzare un fegato miniaturizzato di un cm per un cm che riproduce in maniera fedele alcune fondamentali funzioni dell'organo vero e proprio. Un risultato eccezionale come spiega a Changes lo stesso Barillaro: «La novità di questo modello di fegato consiste nel fatto che si compone di strutture tridimensionali che hanno la dimensione effettiva delle cellule epatiche e che sono disposte in modo da replicare anche architettonicamente l'organizzazione del fegato nel lobulo epatico. Negli esseri umani, le cellule epatiche sono distribuite in cordoni collocati tra le vene (sonusoidi) che entrano nel lobulo. Questa particolare diposizione consente di riprodurre negli organi artificiali alcune funzioni fondamentali, come la detossificazione e il mantenimento dell'omeostasi, ovvero della stabilità delle proprietà chimiche e fisiche».

Il team di ricercatori dell'ateneo toscano si è avvalso di alcune delle più avanzate conoscenze in ambito nanotecnologico, del tutto simili a quelle utilizzate per realizzare i circuiti integrati necessari al funzionamento di computer o di uno smartphone di ultima generazione. Un enorme passo in avanti rispetto ai test in vitro, dove le colture cellulari sono di solito realizzate su una piastrina di plastica piatta: questi organi su chip, invece, non sono solo tridimensionali ma riproducono anche perfettamente le dimensioni dell'ambiente in cui le cellule di solito vivono. Nel caso specifico del fegato realizzato a Pisa i canali in cui si inseriscono gli epatociti sono microscopici e misurano circa 5 millesimi di millimetro. Inoltre il mini-fegato presenta un flusso sanguigno radiale, dall'interno vero l'esterno, esattamente come quello in un fegato umano. Il risultato è che l'organo su chip è in grado di fornire feedback più precisi sugli effetti dei farmaci oggetto di sperimentazione.

«Questa microstruttura 3D – continua lo scienziato - consente di mantenere l'attività e le caratteristiche delle cellule del fegato più a lungo rispetto a quanto non accada con una normale coltura: siamo riusciti a tagliare il traguardo del mese contro una settimana, e a creare condizioni fisiologiche molto simili a quelle del corpo umano. Siamo così in grado di realizzare test farmacologici a medio termine più attendibili che con le normali colture, con la conseguenza di poter ridurre un giorno l'uso di cavie animali. Abbiamo testato per esempio il paracetamolo e osservato che la correlazione fra tossicità del farmaco nel chip e quella nell'uomo sono molto simili. In un prossimo futuro, replicando in modo sempre più accurato la struttura del lobulo epatico, potremo arrivare a ricreare su chip alcune tra le più importanti funzionalità del fegato, organo molto complesso, e centrare inoltre l'obiettivo di una medicina personalizzata».

Questo filone di ricerca è molto sviluppato anche negli Usa dove è stato avviato un avveniristico progetto denominato Humanchip: diversi organi chip verranno messi in connessione tra loro per riprodurre l'intera fisiologia umana. L'obiettivo è di rendere possibile test farmaceutici su un organo specifico controllando contemporaneamente l'impatto sugli altri, esattamente come avverrebbe se la sperimentazione fosse compiuta su un essere umano. In Europa al momento è ai primi passi la costruzione di una flagship sugli organi chip, che includerebbe non solo partner accademici, ma aziende interessate a portare avanti i risultati della sperimentazione.​

 

 

Covid, un acceleratore di cambiamento<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20cambiamenti.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-cambiamentiCovid, un acceleratore di cambiamentoLa pandemia sta comportando dei mutamenti profondi fornendo ai ricercatori materia di studio affascinante anche in ambito sociale come evidenziato in una tavola rotonda organizzata da Cubo Unipol in vista de la Notte dei Ricercatori.Roberto-Valguarnera2020-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Agricoltura 4.0: una App per aratro <img alt="" src="/PublishingImages/agritech.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/agritechAgricoltura 4.0: una App per aratro Le tecnologie di ultima generazione sono alleati importanti per le aziende agricole e sono uno strumento sostenibile. Al via un progetto innovativo del Gruppo Unipol.Roberto-Valguarnera2020-11-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Comprare l’auto non è di moda<img alt="" src="/PublishingImages/noleggio%20lungo%20termine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/noleggio-lungo-termineComprare l’auto non è di modaAnche in Italia la proprietà dell’automobile perde terreno a vantaggio di altre formule come il noleggio a lungo termine ma anche di inedite soluzioni ibride. Vediamo quali.Roberto-Valguarnera2020-10-14T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I virus si combattono a tavola<img alt="" src="/PublishingImages/virus%20tavola.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/virus-tavolaI virus si combattono a tavolaUna corretta nutrizione dà una mano importante al sistema immunitario. Uno studio americano spiega perché e cosa si dovrebbe fare.Elisa-Venco2020-10-11T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Virus: l’immunità non basta, ma aiuta<img alt="" src="/PublishingImages/covid%20immunità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/immunità-covidVirus: l’immunità non basta, ma aiutaPerché anche con l’arrivo del vaccino dovremo convivere con il Covid-19 per il resto della nostra vita. Changes ne ha parlato con il virologo Yonatan Grad.Elena-Comelli2020-09-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Dateci ascolto, velocità e risposte concrete<img alt="" src="/PublishingImages/consumo%20tribale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumo-tribaleDateci ascolto, velocità e risposte concreteDalle scelte di gruppo del consumo tribale agli acquisti online, il consumo mantiene le sue caratteristiche: compriamo per non sentirci soli. La pandemia ha esaltato la nostra propensione ai link sociali e i grandi marchi saranno sempre più rilevanti.Bernard-Cova2020-11-18T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I consumatori fra rivoluzione digitale e “cigni neri”<img alt="" src="/PublishingImages/consumatori-etica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumatori-eticaI consumatori fra rivoluzione digitale e “cigni neri”L’etica e la responsabilità sociale sono strategiche. Fiducia e reputazione sono diventate condizioni essenziali per decretare il successo o il fallimento di un brand. Il dibattito sui nuovi consumi da Changes magazine a 2020 What’s Next Futureconceptlab.Fernando-Vacarini2020-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Welfare Italia: tre proposte per crescere<img alt="" src="/PublishingImages/welfare-italia-azioni-concrete.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/welfare-italia-tre-proposteWelfare Italia: tre proposte per crescereLe linee d’azione su sanità, politiche sociali e previdenza nello scenario post Covid delineate del Rapporto del Think Tank “Welfare, Italia” del Gruppo Unipol in collaborazione con The European House-Ambrosetti.Redazione-Changes2020-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD