Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Computer quantistici: una rivoluzione veloce

Computer quantistici: una rivoluzione veloce

Technology

Sfruttano le leggi della meccanica quantistica, si basano sui qubit e non sui bit e sono superveloci. Ma cosa sono, come funzionano e in che modo cambieranno la nostra vita?

​​Seconda rivoluzione quantistica, nuovo punto di rottura nel mondo dell'informatica, innovazione-svolta nel campo dell'intelligenza artificiale e della robotica. Parlando di informatica quantistica i titoli si sprecano. Il fenomeno è complesso, ma il suo sviluppo promette davvero di rappresentare la più grossa novità nel mondo digitale dopo l'arrivo di internet. Basato su nuovi computer capaci di risolvere velocemente problemi complessi, il quantum computing applica le leggi della fisica e della meccanica quantistica. Ma cos'è e come funziona questo nuovo computer?

«I computer quantistici o quantici sono calcolatori basati non più sul bit ma sul qubit», ha spiegato a Changes Augusto Smerzi, dirigente ricercatore INO-CNR. «Il bit tradizionale può assumere i valori 0 oppure 1 in una logica binaria, il qubit, invece, può avere i due valori contemporaneamente, grazie al fenomeno della sovrapposizione. Questa caratteristica permette di effettuare più calcoli e diverse operazioni in maniera parallela e con più velocità rispetto ai computer tradizionali».

I computer quantistici presentano una caratteristica unica e tipica della meccanica quantistica: l'entanglment, ovvero la correlazione quantistica, la sovrapposizione di più sistemi. A tal proposito Augusto Smerzi ci offre un esempio esplicativo: quella della monetina. «Nei computer tradizionali binari una moneta può essere o testa oppure croce, nei computer quantistici, invece, può assumere tutti i due stadi nello steso tempo. Con l'entanglment una volta manipolato uno stato, a differenza di quello che avviene nella meccanica classica, si manipolano simultaneamente i valori degli altri stati ed è questo il motivo della velocità con cui questi sistemi compiono le loro operazioni simultanee».

Il mondo dell'informatica è stato recentemente interessato da una disputa teorica e pratica tra due dei suoi più importanti protagonisti: Google e IBM. Su Nature il gigante di Mountain View ha infatti comunicato nell'ottobre scorso di aver raggiunto, con il suo computer quantistico Sycamore, la cosiddetta “supremazia quantistica", ovvero la capacità di svolgere in 200 secondi operazioni complesse, risolvibili con i normali super computer in non meno di 10.000 di anni. La risposta di IBM non si è fatta attendere, con l'annuncio del lancio di un computer quantistico a 53 qubit, uno in meno dei 54 del Sycamore (che secondo gli esperti ne usa però solo 53). Una disputa in gran stile, dunque, una corsa all'ultimo qubit, per conquistare la nuova frontiera del quantum computing.

Dovremmo dunque presto mettere da parte i nostri personal computer e fare spazio a nuovi calcolatori? La risposta probabilmente è no, sia perché ancora viaggiamo su livelli teorici, sia perché le due modalità computazionali sono destinate a convivere. Il Direttore del Calcolo Quantistico di Amazon Web Services è un italiano, si chiama Simone Severini ed è docente di Fisica dell'Informazione all'University College London. «I computer quantistici rappresentano sicuramente una rivoluzione, ma ad oggi è ancora una rivoluzione soprattutto sul piano teorico» ha spiegato Severini a Changes. «Una volta costruiti grandi abbastanza, questi calcolatori nel futuro saranno in grado di fare calcoli in maniera più rapida dei computer tradizionali, ma saranno utili solo in alcuni casi, mentre per altri saranno ancora utilizzati i computer a cui siamo abituati oggi». Dunque i computer quantistici promettono dei vantaggi, ma li useremo complementarmente ai calcolatori tradizionali, per specifici problemi. Recentemente Amazon Web Services ha lanciato il suo Amazon Braket, un servizio che permette di usare il calcolo quantistico in un ambiente di sviluppo dove poter progettare algoritmi quantistici, testarli ed implementarli su computer quantistici simulati e reali. 

Ma quali sono gli ambiti specifici su cui questi calcolatori ultra rapidi possono rappresentare una svolta? Sicuramente il primo campo che viene in mente è quello dell'analisi dei big data, ma non solo. «Questi processori sono in grado di simulare in maniera efficiente la meccanica quantistica, quindi potranno essere applicati per effettuare ricerche in tutti i campi dove la meccanica quantistica ha un ruolo: dallo studio dei nuovi materiali, alla fisica fondamentale oppure alle simulazioni di reazioni chimiche utili per la farmaceutica, per costruire nuove batterie, o per lo studio di soluzioni per catturare emissioni nocive di anidride carbonica» ha aggiunto Severini.  Medicina, sicurezza, ambiente, industria alimentare. I campi di applicazione sono tantissimi. Ma attenzione, i computer quantistici presentano ancora dei grossi limiti: sono fragili e un cambio di temperatura, improvvise vibrazioni o alterazioni di altri stati fisici potrebbero modificare l'equilibro quantistico e inficiare le operazioni. Su questi limiti ovviamente la ricerca sta lavorando.

Nel 2016, per esempio, la Commissione Europea ha annunciato il lancio della nuova FET Flagship in Quantum Technologies. L'Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ino) coordina uno di questi progetti da 9,3 milioni di euro. «Il progetto punta a sviluppare una nuova generazione di laser capaci di creare un fascio di luce non-classica nello spettro infrarosso composto da diverse frequenze (o colori)», ha detto Augusto Smerzi, dirigente di ricerca Cnr-Ino. «Questo permetterà nuove applicazioni che spaziano dalla possibilità di trasmettere messaggi sicuri contro hacker ostili e alla stessa creazione di computer ultraveloci sfruttando i principi fondamentali della meccanica quantistica». La strada della rivoluzione quantistica passa dunque anche dal nostro paese. Il cammino tuttavia è ancora lungo. Secondo la ricerca Idc, “Quantum Computing Adoption Trends: 2020 Survey Findings" al quantum computing è dedicato appena il 2% del budget IT delle aziende. La strada è lunga, il mercato è giovane, ma le promesse sono davvero immense. ​

 

 

La sfida dell’elettrico si vince alla stazione di servizio<img alt="" src="/PublishingImages/punti%20ricarica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/punti-ricaricaLa sfida dell’elettrico si vince alla stazione di servizioPer sconfiggere l’ansia da ricarica è necessario aumentare il numero di colonnine. Il governo tedesco ha deciso di renderle obbligatorie nei distributori tradizionali. La situazione in Europa. Roberto-Valguarnera2021-05-12T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Gig economy: tra diritto e algoritmo<img alt="" src="/PublishingImages/gig-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/gig-economy-come-cambiaGig economy: tra diritto e algoritmoLa pandemia ha mandato in crisi il modello di business dell’economia del lavoro a chiamata mettendo in luce lo squilibrio di potere tra lavoratori, capitale e giudizi degli utenti.Nicola-Di-Turi2021-05-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
I dolori della tech generation <img alt="" src="/PublishingImages/valle%20oscura.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/valle-oscuraI dolori della tech generation La Silicon Valley come un luogo oscuro e il data driven come un abominio. La vita nelle start up tecnologiche nel libro di Anna Wiener tra fiction e realtà. Giulio-Xhaet2021-04-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Siamo nell’era dell’algocrazia, ma non tutto è perduto<img alt="" src="/PublishingImages/algocrazia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/algocraziaSiamo nell’era dell’algocrazia, ma non tutto è perdutoGli algoritmi sono sempre più parte della nostra esistenza quotidiana. Una presenza pervasiva che presenta opportunità ma anche non pochi rischi, per la stessa idea moderna di democrazia. Aneesh-Aneesh2021-04-18T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Robot umani, troppo umani<img alt="" src="/PublishingImages/computer%20umani.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/computer-umaniRobot umani, troppo umaniAnche le macchine possono avere un cuore. Ne sono convinti gli studiosi dell’Affective Computing che indaga le emozioni umane e le sue manifestazioni per migliorare in senso collaborativo l’interazione uomo-automi.Luca-Politi2021-03-31T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il cibo si estingue<img alt="" src="/PublishingImages/cibi-estinzione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cibi-estinzioneIl cibo si estingueCioccolato, caffè, pasta, legumi, miele e frutta potrebbero sparire dalle nostre tavole. La difesa della biodiversità diventa prioritaria per salvare pianeta e salute.Roberta-Lazzarini2021-05-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Leithà-Auticon, collaborazione in nome della diversità<img alt="" src="/PublishingImages/Auticon.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/auticonLeithà-Auticon, collaborazione in nome della diversitàLa solution factory del Gruppo Unipol in ambito Data Science e Computer Science si è avvalsa della collaborazione dei consulenti IT di Auticon Italia, tutte persone nello spettro autistico, con ottimi risultati. Redazione-Changes2021-05-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD