Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Creativi si diventa

Creativi si diventa

Society 3.0

La creatività non è una dote naturale, ma un processo basato su motivazione, conoscenze e capacità. Come fare lavorando in team.

​Lo ha insegnato una docente come Teresa Amabile, professoressa di economia aziendale presso l'Harvard Business School: la creatività non è una dote naturale, ma un processo basato su motivazione, conoscenze e capacità creative. Cerchiamo, dunque, di capire com'è possibile stimolare il processo creativo a partire da alcune riflessione del World Economic Forum.

Di cosa parliamo:

  • Le top skills del 2025 secondo il World Economic Forum
  • Il processo creativo teorizzato da James Young
  • La tecnica del brainstorming e del brainwriting
  • La tecnica dei sei cappelli per pensare

Le top skills del 2025 secondo il World Economic Forum

I dati raccolti da LinkedIn e dalla piattaforma di apprendimento online Coursera hanno permesso al World Economic Forum di individuare le competenze necessarie per i lavori del domani. Secondo il Future of jobs report 2020 curato dal Forum di Davos, la creatività e l'originalità sono tra le 10 abilità o skills richieste sempre di più da oggi al 2025: in cima alla lista delle competenze troviamo anche il pensiero critico e la risoluzione dei problemi. Infine, altrettanto importanti, risultano essere le abilità di autogestione come l'apprendimento attivo, la resilienza, la tolleranza allo stress e la flessibilità.​

Il processo creativo teorizzato da James Young

Inquadrata l'importanza della creatività, facciamoci aiutare dal manager James Webb Young e dal suo libro Tecnica per produrre idee: si tratta di un manuale datato agli anni Quaranta del secolo scorso, ma ancora molto attuale e spesso citato. Cinque sono le fasi del processo creativo individuate dal pubblicitario americano, inserito nella Hall of Fame dell'American Advertising Federation: preparazione, concentrazione, incubazione, illuminazione e verifica. Per produrre idee, dunque, occorre raccogliere spunti e concentrarci, attendere che nella nostra mente avvenga la sintesi, lasciare che l'idea torni a illuminarci e, infine, misurare e migliorare la nostra soluzione.​

La tecnica del brainstorming e del brainwriting

Chiarito il processo creativo, non resta che capire come stimolarlo. Le tecniche sono diverse. Vediamone alcune. C'è anzitutto quella nota del brainstorming, modellizzata nel 1957 nel libro Applied Imagination dal pubblicitario Alex Faickney Osborn. Il metodo dell'assalto mentale consiste nel mettere insieme tante teste affinché, dato un problema, si arrivi a individuare una soluzione comune.

Meno nota è la tecnica del brainwriting: sviluppata dal marketer Bernd Rohrbach nel 1968, consiste nella scrittura, da parte di diverse persone, di tre idee su un foglio bianco nell'arco di cinque minuti. Scambiandosi i fogli di lavoro, in 30 minuti i membri del team generano tante idee. Questa tecnica è anche detta 6-3-5 brainwriting: sei sta per il numero delle persone coinvolte, tre per gli spunti vergati a mano e cinque per il tempo a disposizione durante ciascuna delle sei sessioni di scrittura programmate. ​

La tecnica dei sei cappelli per pensare

Tra le altre tecniche utilizzabili per stimolare la creatività possiamo citare l'analisi morfologica fatta sulla base di parametri chiave e di alternative proposte, quella mappa mentale o mind mapping teorizzata dal cognitivista Tony Buzan e, infine, quella dei sei cappelli per pensare dello psicologo Edward de Bono.

In quest'ultima tecnica ciascun membro del gruppo indossa un cappello: quello bianco permetterà di vedere le cose in modo neutro (senza esprimere opinioni), quello nero consentirà di capire perché le cose possono non andare bene, quello verde sarà l'occasione per dare fuoco alla creatività (grazie al pensiero laterale), quello rosso darà sfogo alla passione, quello giallo sarà lo stimolo a esercitare il pensiero logico, quello blu, infine, sarà portato da chi controllerà il processo dall'inizio alla fine. Grazie ai cappelli, dunque, l'insieme dei professionisti arriveranno a co-creare, individuando prodotti e servizi risolutivi di un problema.

A prescindere dalla tecnica adottata, team creativi si diventa esercitandosi. Questa è la lezione che tutti dobbiamo portarci a casa. Anzi, in azienda. 

 

 

Come essere phygital<img alt="" src="/PublishingImages/phygital.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/phygitalCome essere phygitalDi persona e in digitale: la fusione tra le due dimensioni è la formula di organizzazione ibrida del lavoro che si sta affermando post pandemia ma non è nata oggi.Monica-Bormetti2021-09-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’alfabeto del turista green<img alt="" src="/PublishingImages/turista%20green.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-greenL’alfabeto del turista greenI viaggiatori sostenibili sono in crescita nonostante la pandemia. Come unirsi al gruppo? Ricordando l’estate appena conclusa Changes propone un sillabario che può essere arricchito dalle esperienze di tutti.Roberta-Lazzarini2021-09-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cultura organizzativa: ostacolo o stimolo al miglioramento?<img alt="" src="/PublishingImages/cultura%20organizzativa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cultura-organizzativa-ostacolo-o-stimoloCultura organizzativa: ostacolo o stimolo al miglioramento?Una risposta netta non c’è. Cerchiamo di capirne di più con l’aiuto dello psicologo statunitense Edgar Schein e delle teorie del cambiamento.Filippo-Poletti2021-09-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Musei della finanza<img alt="" src="/PublishingImages/musei%20finanza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/musei-finanzaMusei della finanzaViaggio attraverso la storia della moneta e dell’evoluzione del risparmio per conoscere e capire l’economia.Andrea-Di-Turi2021-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il futuro del lavoro<img alt="" src="/PublishingImages/futuro-lavoro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/lavoro-world-economic-forumIl futuro del lavoroNuove competenze, empatia, riqualificazione, gap di genere. Dopo un anno di pandemia, quali sono gli strumenti a nostra disposizione per i prossimi 5 anni?Saadia-Zahidi2021-09-02T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cybersecurity: serve una rivoluzione culturale <img alt="" src="/PublishingImages/cyber-attacchi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurity-attacchiCybersecurity: serve una rivoluzione culturale L’attacco informatico alla Regione Lazio ha evidenziato la vulnerabilità informatica della nostra PA. Così è stata costituita l’Agenzia Unica per la Cybersicurezza. Changes ne ha parlato con Ranieri Razzante.Luca-Politi2021-10-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come essere phygital<img alt="" src="/PublishingImages/phygital.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/phygitalCome essere phygitalDi persona e in digitale: la fusione tra le due dimensioni è la formula di organizzazione ibrida del lavoro che si sta affermando post pandemia ma non è nata oggi.Monica-Bormetti2021-09-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD