Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Clima: hotspot Mediterraneo

Clima: hotspot Mediterraneo

Environment

L’aumento della temperatura del nostro mare mina agricoltura e pesca. Il gioco però è più grande e riguarda l’identità e l’unità dell’Europa e una relazione costruttiva con il più naturale ambito di internazionalizzazione dell’economia italiana, l’Africa.

​I cambiamenti climatici riguardano tutti, ma non tutti allo stesso modo. Nel caso dei due mondi a cui apparteniamo come Italia – quello europeo continentale e quello del bacino mediterraneo – cambiano completamente le carte in tavola. I climatologi prevedono un aumento di temperatura nel Mediterraneo più accentuato della media, e delle alterazioni nelle piogge: questo già è foriero di comprensibili disagi e conseguenze sull'agricoltura e sulla pesca. Ma limitarsi a prendere le misure di tali impatti diretti vuol dire non comprendere che è in gioco una posta cruciale: l'identità e l'unità dell'Europa e una relazione costruttiva con il più naturale ambito di internazionalizzazione dell'economia italiana, l'Africa.

Unità climatica

A guardare il planisfero ci si accorge che l'idea di Europa – come continente a sé stante – rappresenta un'anomalia. Usando i criteri di delimitazione dei continenti applicati per tutti gli altri, noi non dovremmo esistere: siamo solo una piccola appendice dell'Asia. Eppure, continuiamo a sentirci un continente a parte, anzi forse – con quel po' di presunzione che una volta si chiamava eurocentrismo – ci sentiamo IL continente, il vecchio continente! Cosa ci distingue? Una certa unità culturale, persino fisionomica, un senso di comunità nella diversità.

Pochi si interrogano sulle radici di questa unità che non ha radici nell'isolamento del proprio territorio, ma qualcuno l'ha fatto: a cominciare da Jean Jacques Rousseau che – forse eccedendo nel determinismo – vedeva l'identità europea come un prodotto dell'eccezione climatica che ha benedetto l'Europa dalla fine dell'ultima glaciazione, circa 10.000 anni fa, quando ha preso avvio la rivoluzione agricola. Se Rousseau aveva ragione – e con criteri contemporanei possiamo confermare che ci aveva visto giusto – significa che il clima dell'Europa ha giocato un ruolo determinante nel forgiare la nostra identità e nel definire i nostri interessi.

Senonché, questo clima sta cambiando. Il suo attore protagonista, il dolce e stabilizzante anticiclone delle Azzorre – che un tempo i meteo televisivi menzionavano a ogni piè sospinto – appare sempre meno sull'Europa mediterranea e viene estromesso dagli anticicloni africani che sconfinano sempre più prepotentemente da noi. In pratica, cominciamo a condividere un certo tipo di clima con i paesi della sponda Sud del mediterraneo, mentre a Nord delle Alpi crescono altre modifiche che divaricano il clima mitteleuropeo dal nostro. Ma se concordiamo con Rousseau – il clima è un fattore determinante nel comporre interessi e identità dei popoli – non è solo una questione di piogge e temperature. In pratica, per l'Italia, significa che alla nostra identità europea inizia a sovrapporsi una comunione di interessi con chi condivide l'anticiclone africano, mentre ci distanziamo da alcune prospettive che prima ci ancoravano saldamente all'Europa.

Integrazione a rischio

Non è solo una questione di venti e piogge e nemmeno dottamente antropologica: si tratta di economia, commercio, e geopolitica. Ad esempio, con il riscaldamento dell'Artico e il restringimento dei ghiacci si stanno liberando delle rotte commerciali marittime polari – i mitici passaggi a Nord Est e a Nord Ovest – che rischiano di privare i nostri porti di moltissimo traffico. Dovremo fare i conti con la migrazione a Nord di alcuni vitigni che per noi sono identitari (e una gran bella fonte di proventi). Se non stiamo attenti, questo rischia di spaccare l'integrazione europea in due gruppi con interessi divergenti. E non è fantascientifico futuro: sulla mappa, la frontiera di una certa incomprensione indifferente alle migrazioni – del "non sono fatti nostri, sbrigatevela voi" – coincide quasi perfettamente con le regioni in cui si fermano le incursioni degli anticicloni africani.

Ma non ci sono solo le sottrazioni, ci sono anche le aggiunte. Qualcosa perdiamo perché migra a Nord, ma qualcosa guadagniamo in provenienza dal Sud, condividendola con altri popoli in una nuova comunità di interessi. Ad esempio, la comunità "forestale" – coloro che per passione o denaro tutelano la vegetazione – sta sperimentando un'integrazione e un'intensificazione della collaborazione fra le due sponde del mediterraneo. C'è sempre stata una cooperazione forestale globale per l'ecosistema globale ma, in questo nuovo club panmediterraneo, si sta intensificando; e non è solo frutto di una crescente consapevolezza ecologica: ci sono miliardi in ballo, perché la vegetazione originaria della sponda meridionale del mare nostrum è l'unica che potrà permanere ​produttiva sulla sponda nord entro pochi anni e quindi salvare la funzionalità di intere economie nazionali.

Insomma, si va a un nuovo assetto med-africano divaricato dal core-business (dall'identità, dall'economia, dalla geopolitica) europeo? Solo se siamo folli al punto di non accorgerci che sono più le aggiunte che le sottrazioni. Non dobbiamo perdere l'identità e la solidarietà europea solo perché entriamo anche in un nuovo club, che oltretutto è un ambito naturale di co-sviluppo costruttivo per la nostra impresa: dobbiamo aggiungervi il nuovo, cogliendo le opportunità. L'Italia ha una missione che forse non ha ben compreso: stesa come un ponte sul Mediterraneo, sempre più compartecipe di due poli di interessi che potrebbero essere in competizione, o persino andare allo scontro, può e deve farsi il centro e l'arbitro di un incontro. Abbiamo solo da guadagnarci. Soprattutto noi.

 

 

Clima: se anche Davos diventa catastrofista<img alt="" src="/PublishingImages/ENVIRONMENT%20davos%20cambia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/davos-climaClima: se anche Davos diventa catastrofistaIl Forum dove convergono e si rappresentano in pubblico i maggiori interessi economici e finanziari del mondo non disdegna il termine “cataclisma”. La scienza è stata finalmente capita?Grammenos-Mastrojeni2021-02-21T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sage fa scuola ai big del mondo <img alt="" src="/PublishingImages/economia-circolare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/sage-zero-spazzaturaSage fa scuola ai big del mondo All’Università di Berkeley, Sage Lenier, insegna come ridurre a zero la spazzatura. E dalle aule è arrivata al World Economic Forum per spiegarlo a tutti.Elisa-Venco2021-02-16T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La Circular economy sale a bordo delle auto<img alt="" src="/PublishingImages/automotive%20e%20circular%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/automotive-circular-economyLa Circular economy sale a bordo delle autoL’industria dell’automotive è da sempre capofila di innovazione, anche dei processi produttivi. Oggi la sfida è di realizzare un’industria a bassissimo impatto ambientale.Roberto-Valguarnera2021-02-10T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La rigeneratività è il nuovo paradigma<img alt="" src="/PublishingImages/economia%20rigenerativa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/economia-rigenerativaLa rigeneratività è il nuovo paradigmaLa sostenibilità va verso un sistema interdipendente costituito da componenti che creano condizioni favorevoli al fiorire della vita e alla felicità delle persone. Ecco come.Andrea-Di-Turi2021-01-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
E3CI, un’arma in più contro i rischi climatici <img alt="" src="/PublishingImages/indice%20rischi%20climatici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/indice-rischi-climaticiE3CI, un’arma in più contro i rischi climatici Il nuovo indice di valutazione dei pericoli legati agli stravolgimenti ambientali è stato sviluppato in collaborazione con Leithà. L’intervista a Renzo Giovanni Avesani, Chief Innovation Officer del Gruppo Unipol e AD di Leithà. Redazione-Changes2021-01-21T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La piattaforma ci salverà?<img alt="" src="/PublishingImages/platform%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/platform-economyLa piattaforma ci salverà?La Platform Economy è un modello di business basato sui dati e sull’incrocio tra domanda e offerta in un campo digitale. Le prospettive sono rosee, nonostante la crisi. Ma i problemi di sostenibilità ed equità sono irrisolti.Luca-Politi2021-02-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Significati e significanti: le parole cambiano e ci cambiano<img alt="" src="/PublishingImages/parole-virus.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/parole-virusSignificati e significanti: le parole cambiano e ci cambianoA un anno dall’inizio della pandemia, anche le cose che diciamo sono diverse. Tra vecchi e nuovi termini abbiamo dovuto imparare un altro linguaggio, per definire l’incertezza.Diana-De-Caprio2021-02-23T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD