Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > La casa è diventata ufficio

La casa è diventata ufficio

Society 3.0

Lavorare da casa impone una riorganizzazione degli spazi e della funzione degli ambienti. Una spinta che può portare nuove abitudini, ma chiede di porre un confine tra il lavoro e la vita personale.

​Una ricerca commissionata da Linkedin ha rivelato le paure e le incertezze dei lavoratori per un'eventuale ripresa dell'attività nella propria sede lavorativa: il 51% teme che non vengano seguite le misure di sicurezza, il 26% un calo dei propri risparmi e un 19% la diminuzione del proprio reddito. È uno degli effetti dell'esperimento sociale che ha portato l'ufficio in casa nei mesi della pandemia e che molte aziende pensano di prolungare almeno fino alla fine del 2020.

L'abitudine di ​abitare l'ufficio

Per ora siamo ancora nel mondo artificiale dell'esperimento: qualcuno in casa ha trovato una situazione agevole, mentre per altri regna il caos. Prima del Covid-19 il luogo eletto al lavoro era l'ufficio, e con la filosofia della condivisione è stato aggiunto di palestra, mensa, asilo nido. Dove c'era la macchinetta del caffè c'è anche una bacheca di annunci, e si moltiplicano i tentativi di imbastire intorno ad essa occasioni di solito molto artificiali per fare comunità, dagli aperitivi al week end fuori porta. 

Con l'illusione che abitare l'ufficio ci facesse sopportare meglio tutto il tempo passato lì, in pochi anni abbiamo provato ad aggiungervi un po' di funzioni delle nostre abitazioni. È accaduto anche con i co-working: non solo spazi comuni in cui farsi carico insieme di utenze, connessioni web, pulizie e vari servizi per la persona, come pure fanno le aziende più evolute, ma anche eco-sistemi sperimentali, contesti in cui le persone che vi lavorano separatamente, prima o poi creano tra loro relazioni professionali o personali.

Il tutto è stato ben regolato, o meglio sregolato, dall'eliminazione delle barriere fisiche e architettoniche, come i muri e le pareti, per favorire la socialità e la collaborazione; ed anche di quelle formali e gerarchiche, perfettamente incarnate dagli stereotipi delle sneakers e della maglietta indossate in riunione, e del tavolo da ping-pong messo in corridoio.

Un pezzo per volta, la casa si è trasferita in ufficio: ora hai a portata di mano l'area fitness e il cucinino, dai del tu a tutti, lavori “con gli amici". Un bel tentativo, forse mal riuscito, di eliminare i confini, sempre necessari, dipingendo tutto con una socialità molto informale.​

Lavorare in casa: vantaggi e svantaggi

Stavamo giusto tentando di adattarci e comprenderne questo nuovo modello, quando è arrivato il Covid-19, e con sorpresa è l'ufficio ad essere venuto a casa nostra. Così, ancora una volta, milioni di persone – quelle fuori dalle linee produttive e da negozi e dal commercio – stanno vivendo l'eliminazione dei confini tra lavoro e vita personale. Provengono dai settori del marketing e delle vendite e soprattutto dal mondo digitale e dei servizi, e a casa hanno portato la scrivania, allestito un quasi-set-televisivo per le riunioni in chat, e hanno dovuto trovare spazio anche per il tappetino per il fitness.

Ed eccoci davanti a un altro cambiamento, consapevoli che gli spazi influenzano i nostri stati d'animo, la nostra propensione al lavoro, e il nostro benessere fisico. Ancora non sappiamo per quanto tempo la casa dovrà ospitarci in modalità professionale, ma si ripete la tendenza precedente: formale e informale, vita e lavoro, famiglia e ufficio si mischiano nei tempi e negli spazi. Con il favore del web – riusciamo a immaginare una convivenza con il Covid-19 senza? – dalla casa in ufficio siamo passati all'ufficio in casa, dove lo spazio fisico e quello virtuale si sovrappongono.

Come per la tendenza precedente, non sappiamo se questa ibridazione durerà, né se ci farà bene, ma siamo ancora senza barriere di separazione tra l'area notte e quella giorno, tra l'aula per i figli e la sala da pranzo, tra la palestra e la sala riunioni. Mentre fuori siamo impegnati a mantenere le distanze fisiche, quelle che impongono nuove forme di prossimità, con la novità di accessi controllati e limitazioni, dentro, negli spazi privati che hanno più funzioni, perdiamo di vista la distanza, forse necessaria, tra il lavoro e la vita, la famiglia e i colleghi con cui parliamo in chat, l'orario di lavoro e quello per tutto il resto. Se c'è.
Siamo sicuri che gli architetti, con la loro sempre maggiore funzione sociale ci aiuteranno a dare flessibilità agli oggetti e agli ambienti pubblici e privati, ma toccherà a noi disegnare nuove linee di demarcazione, quegli intervalli indispensabili a capire dove siamo quando siamo in ufficio e quando siamo a casa.​

 

 

Cosa è cambiato da stay foolish a be curious<img alt="" src="/PublishingImages/foolish%20e%20curious.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/foolish-curiousCosa è cambiato da stay foolish a be curiousDa Steve Jobs a Jeff Bezos: come trovare il proprio spazio, il proprio senso della posizione, così che la mappa di sé diventi mappa della realtà che si vuole cambiare profondamente. Luciano-Canova2021-04-07T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Governare la nuova normalità <img alt="" src="/PublishingImages/nuova%20normalità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nuova-normalitàGovernare la nuova normalità Per le aziende è il momento di riprogettare il futuro. Ciò che ne emerge è un “doppio binario” che, in alcuni settori, sul fronte spesa è tornato indietro agli anni 70. Ecco perché.Elisa-Venco2021-04-05T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
A Pasqua si viaggia in digitale <img alt="" src="/PublishingImages/turismo%20virtuale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/turismo-digitaleA Pasqua si viaggia in digitale Il turismo resta virtuale e per ora si può partire quasi esclusivamente con la mente cliccando sul pc con una grande offerta di contenuti. E dai Big data l’industria pensa di ripartire, profilando i viaggiatori.Roberta-Lazzarini2021-03-30T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Spid moltiplica l’io digitale<img alt="" src="/PublishingImages/spid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/spidSpid moltiplica l’io digitaleIl concetto di identità evoca di per sé qualcosa di unico. Ma quando ci si confronta con l’universo digitale, le cosiddette identità digitali di ciascuno sono invece diventate molteplici. Riusciranno a unirsi?Claudio-Plazzotta2021-03-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La perseveranza del purpose<img alt="" src="/PublishingImages/purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/purposeLa perseveranza del purposeInvestimenti sui dipendenti, valore per i consumatori, gestione etica delle relazioni con i fornitori e sostegno alle comunità locali dove si opera. Ma niente serve senza una narrazione efficace.Giampaolo-Colletti2021-03-28T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il futuro è di idrogeno<img alt="" src="/PublishingImages/futuro%20a%20idrogeno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/futuro-a-idrogenoIl futuro è di idrogenoL’economista Rifkin lo dipinse come la soluzione a tutti i problemi energetici del mondo. Quasi venti anni dopo sta accadendo. Ecco perché.Elena-Comelli2021-03-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD