Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Casa: la sostenibilità conviene

Casa: la sostenibilità conviene

Environment

Le buone pratiche per ridurre i consumi del riscaldamento, tagliando le emissioni di Co2 e risparmiando in bolletta.

​​Tenere lontano il freddo dalla propria abitazione ha un costo energetico, sempre in aumento, e un costo ambientale. Le cose però non devono necessariamente andare in questa direzione, esistono infatti tante buone pratiche che possono essere compiute e che consentono di ridurre i consumi, tagliare i costi della bolletta e ridurre le emissioni di CO2 connesse all'accensione degli impianti di riscaldamento.​​

Le nuove tecnologie che fanno la differenza

Come prima cosa se la caldaia ha già una certa anzianità, la strada per il taglio dei consumi passa dalla sua sostituzione con nuove tecnologie in grado di assicurare, allo stesso tempo, massima efficienza nelle prestazioni, risparmio energetico e basse emissioni inquinanti.
Un esempio sono i nuovi sistemi di riscaldamento ibrido. Di cosa si tratta? Sono impianti di riscaldamento che uniscono i vantaggi delle pompe di calore a quelli delle caldaie a condensazione. Apparecchi composti da due generatori di calore alimentati da fonti energetiche diverse, solitamente un combustibile fossile (il gas) e una fonte rinnovabile (pompa di calore aria-acqua), i quali grazie ad un meccanismo di controllo “intelligente" sono in grado di mettere in funzione l'uno o l'altro sistema in modo da garantire sempre la prestazione migliore e il maggior risparmio.
Si tratta di impianti che hanno un costo iniziale maggiore rispetto ad una più classica caldaia a condensazione, ma non va dimenticato che anche per la loro installazione è possibile accedere alle varie agevolazioni previste per la riqualificazione energetica delle abitazioni come l'ecobonus del 50 o del 65%, il superbonus del 110% e il conto termico. A questo poi si aggiunge il non trascurabile risparmio in bolletta che in poco tempo consentirà di compensare la spesa iniziale.
Se però non si è nella possibilità di sostituire il vecchio apparecchio con nuovi modelli, vi sono comunque dei piccoli accorgimenti da poter mettere in pratica che aiuteranno a risparmiare e ad inquinare di meno.​

Casa: p​erché la manutenzione è fondamentale

​Innanzitutto, per ridurre i consumi è importante procedere periodicamente alla manutenzione della caldaia. Si tratta di controlli che oltre ad essere obbligatori per legge - in mancanza si rischiano multe il cui importo varia in base al tipo di inadempienza (DPR 74/2013) - sono fondamentali per garantirne l'efficienza e la sicurezza di chi vive in casa. Due le verifiche da fare. La prima riguarda il controllo dell'efficienza energetica della caldaia, detto anche controllo dei fumi, da effettuarsi secondo le tempistiche indicate dal legislatore, ed è volto a misurare quanto inquina l'apparecchio per individuare se sono rispettati i limiti di legge o se invece sono necessari interventi per ridurne l'impatto ambientale. A ciò si aggiunge poi una manutenzione ordinaria, per la quale ogni casa produttrice fornisce le proprie tempistiche, che serve a verificare lo stato di sicurezza della macchina e il suo corretto funzionamento. È importante sottolineare come in entrambi i casi le verifiche non possono essere effettuate da chiunque, ma solo da tecnici abilitati: quindi attenzione a chi vi rivolgete.​

Riscaldamento: la giusta temperatura che fa la differenza

​Per rendere confortevole la casa anche nel periodo invernale non è necessario alzare il termostato del riscaldamento tanto da sembrare di essere in vacanza in un'isola della Maldive. Per legge la temperatura non può superare i 20°, con un limite di tolleranza di +2°, ma 19 gradi sono già più che sufficienti a garantire il comfort necessario, anche perché per ogni grado in meno si risparmia dal 5 al 10 per cento sui consumi di combustibile (Fonte ENEA). Inoltre è importante regolare i termosifoni delle diverse stanze della casa in base al loro effettivo utilizzo: grazie alle valvole termostatiche potrete spegnere o ridurre la temperatura dei termosifoni installati nelle stanze poco utilizzate e tenere accesi e a più alta temperatura solo quelli dei luoghi abitualmente vissuti.  Piccoli accorgimenti che non ridurranno il vostro benessere ma che contribuiranno notevolmente a far scendere l'asticella dei consumi.

Riscaldamento: evitate gli ostacoli​

Tra le cattive abitudini che impediscono una corretta diffusione del calore generando inutili sprechi, vi è quella, molto comune, di utilizzare i termosifoni come asciugabiancheria o di porvi davanti tende, divani o altri ostacoli. Evitare questi comportamenti consentirà di sfruttare a pieno il potere calorifico dei vostri apparecchi consentendo di riscaldare la stanza in minor tempo e sicuramente in modo più efficiente ed efficace.
​Attenzione poi a non lasciare troppo tempo le finestre aperte: per garantire un adeguato ricambio di aria sono sufficienti circa 10 minuti nelle ore più calde della giornata, un tempo più prolungato raffredderebbe troppo l'ambiente con conseguente impennata dei consumi per riscaldarlo nuovamente.​

Riscaldamento: un piccolo “trucco" che aiuta a risparmiare

​Per ottimizzare al meglio l'utilizzo dei caloriferi e non disperdere il calore prodotto una soluzione a basso costo è quelle di posizionare dei pannelli riflettenti o isolanti tra muro e termosifone con l'obiettivo di raggiungere un certo grado di isolamento termico che consentirà di beneficiare di un non piccolo risparmio energetico. Vi sveliamo anche un altro segreto se non volete acquistare dei veri e propri pannelli riuscirete ad avere ottimi risultati anche con un semplice foglio di carta stagnola posizionato nello spazio tra il termosifone e la parete. Provare per credere.​

 

 

Glasgow: un bilancio, anzi due<img alt="" src="/PublishingImages/bilancio%20cop26.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop-26-bilancioGlasgow: un bilancio, anzi dueLuci e ombre di quella che doveva essere la COP del millennio, decisiva per salvare il Pianeta. Forse era troppo presto per rivoltare il sistema ma si sono tre novità fondamentali.Grammenos-Mastrojeni2021-11-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’ecologia si legge e si gioca<img alt="" src="/PublishingImages/giochi-green.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/giochi-green-sostenibiliL’ecologia si legge e si giocaLe scelte del singolo possono generare un effetto a catena per stimolare l’opinione pubblica e spingere il cambiamento. La rivoluzione green cominciar dai bambini con libri e giochi. Alexis-Paparo2021-11-09T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Riprendiamoci il futuro<img alt="" src="/PublishingImages/Cop26-genrazioneZ.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop26-cosa-vogliono-i-giovaniRiprendiamoci il futuroA Cop26 le nuove generazioni sono presenti per discutere su diversi tavoli. Ecco quali sono le questioni più importanti.Sofia-Pasotto2021-11-07T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Glasgow: fra la fine del mondo e la fine del mese<img alt="" src="/PublishingImages/cop26-sfide.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cop-26-quali-sono-le-sfideGlasgow: fra la fine del mondo e la fine del meseCOP26 è un vertice critico per il futuro del clima: ce la faremo a tenere l’aumento medio di temperatura entro 1,5 gradi centigradi? Dipende tutto dagli NDC.Grammenos-Mastrojeni2021-10-31T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Se il design diventa umanitario<img alt="" src="/PublishingImages/design-umanitario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/design-umanitarioSe il design diventa umanitarioLa storia di Cédric Fettouche, designer e fondatore della Ong Humanitarian designers, che vuole costruire un ponte fra i due settori anche attraverso un corso di studi ad hoc. Alexis-Paparo2021-11-24T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Largo ai Super User<img alt="" src="/PublishingImages/Super-User-consumi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/super-user-consumiLargo ai Super UserChi sono, cosa fanno e perché possono essere così utili ai cambiamenti che le aziende stanno affrontando a patto di sapersi mettere in ascolto.Antonio-Belloni2021-11-17T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD