Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > C'è vita oltre le batterie

C'è vita oltre le batterie

Environment

Il futuro sarà solo elettrico? Oppure ci saranno altre forme di alimentazione per le auto? Comprendere la direzione di una svolta epocale ma ancora lontana dal manifestarsi in pieno.

​​​Il futuro dell'auto è elettrico. È questo lo slogan più pubblicizzato e noto anche al grande pubblico, ma è veramente questa la strada che sarà intrapresa dal mondo delle quattro ruote? Oppure ci sono forme di alimentazione alternative? Quando si parla di innovazione tecnologica è difficile rispondere a domande del genere. Tutto ciò che oggi si manifesta nel presente, non è detto che abbia un futuro. Del resto, la storia dell'innovazione tecnologica lo dimostra. Per rimanere in ambito automobilistico, basti pensare come sia stato il motore endotermico a soppiantare quello che, verso la fine dell'800, sembrava inizialmente la miglior soluzione per fornire energia alle auto: il motore elettrico.

Oggi, quando si parla di auto elettriche, non si fa altro riferimento che alle batterie, ma tra dieci, quindici o vent'anni è certo che sarà questa la tecnologia predominante? Già oggi non è escluso che molte innovazioni, per ora rimaste dietro le quinte, non possano, invece, emergere come la soluzione migliore, soprattutto per l'ambiente. Serve dunque, ogni tanto, fare il punto della situazione dell'evoluzione tecnologica partendo proprio dalle batterie per arrivare a soluzioni che potrebbero anche dare nuova vita a quella tecnologia data ormai da tutti come destinata alla scomparsa: il motore a propulsione interna, che sia a ciclo otto (i benzina) o a ciclo diesel.

Batterie. il settore automobilistico è al momento davanti a una grande svolta. I sempre più stringenti limiti alle emissioni stanno imponendo una revisione dei paradigmi alla base del suo modello di business e le case, chi più che meno, stanno investendo in modo massiccio sulla rivoluzione elettrica. Forse con lentezza ma sicuramente con sempre più dinamismo e convinzione, sono molti i produttori che si stanno lanciando nel segmento delle elettriche cercando di replicare il successo, per ora più di immagine che di sostanza, della californiana Tesla. Le auto elettriche si basano, però, su una tecnologia destinata, un giorno o l'altro, ad affrontare numerosi vincoli e limiti. Le batterie sono infatti attualmente prodotte con l'utilizzo di minerali come litio o cobalto che sollevano numerosi problemi etici e ambientali. E questo senza dimenticare come il loro utilizzo implichi anche problematiche costruttive per le auto e il mondo che gravita intorno: gli attuali veicoli alla spina hanno infatti il problema del fortissimo surriscadalmento e, almeno per ora, le infrastrutture per la loro ricarica non sono certo capillari. È anche per questi motivi che non è escluso che anche per l'auto elettrica non si riscontri una tendenza che già vista nel settore del personal computer con il sempre più frequente utilizzo di batterie allo stato solido. Sulla rete di ricarica bisogna invece solo aspettare. In fin dei conti l'attuale rete di stazioni di servizio con le pompe dei carburanti è il frutto di un'evoluzione del mercato lunga quasi cento anni.

Biocarburanti. Sono molte le pellicole cinematografiche rimaste nell'immaginario collettivo ma quando si parla di auto e futuro non si può non palare Ritorno al Futuro con la mitica DeLorean di "Doc" Brown alimentata direttamente con scarti di spazzatura. È ovviamente fantascienza ma già oggi qualcosa di reale si avvicina all'idea di una delle saghe di Hollywood più famose. Eni ha per esempio lanciato sul mercato un diesel "verde" con una componente rinnovabile pari al 15% che riduce le emissioni inquinanti di ossido di carbonio. Componente rinnovabile prodotta, per esempio, da oli alimentari o rifiuti urbani. È sempre di rifiuti si parla nel caso del biometano prodotto da biomasse. Secondo alcune ricerche è attualmente l'alternativa più verde in assoluto perché riduce le emissioni di Co2 fino a quasi il 100% soprattutto considerando l'intero ciclo di vita: come si suol dire dal pozzo fino alla ruota. In ambito agricolo è probabilmente il vero futuro. Basti pensare a un contadino che porta sterpaglie o altri residui di lavorazioni agricole a un centro apposito e torna a casa con un pieno di biometano per trattori o altri mezzi. In Italia esistono già casi di successo del genere.

Celle di combustibile e idrogeno. Fino a poco tempo uno dei colossi più riluttanti a credere nell'elettrico era la Toyota. Si è trattato per anni di un paradosso per un gruppo capace di portare al successo la tecnologia dei motori ibridi. Eppure un motivo ben preciso esiste. In Giappone hanno puntato le proprie attenzioni sulle celle a combustibile di idrogeno, una tecnologia nata nel lontano 1839 ma sviluppata soprattutto durante le missioni della Nasa Apollo e Gemini. Le celle sono, in pratica, dispositivi che producono energia elettrica tramite un processo elettrochimico basato sull'idrogeno. È una tecnologia avanzatissima sui cui stanno concentrando le proprie attenzioni il Giappone e la Corea del Sud ma ha alcune controindicazioni come la minor capacità energetica dell'idrogeno rispetto, per esempio, alla benzina e la relativa necessità di aumentare le dimensioni dei serbatoi. Per avere un minor ingombro servono capacità di raffreddamento a temperature bassissime e quindi nascono ulteriori difficoltà per mezzi come le automobili. Insomma, l'idrogeno, come dimostrato dai fallimentari tentativi del passato della Bmw, ha numerose criticità da affrontare ma alla Toyota hanno pazienza e lungimiranza. L'ibrido è diventato 'profittevole' solo dopo due decenni dal lancio sul mercato.

Anche per questo motivo non è escluso che tra venti anni non sia l'idrogeno a rappresentare la tecnologia vincente per le auto del futuro. Dunque qualcosa oltre alla batterie esiste ma serve pazienza e investimenti, soprattutto in Ricerca e Sviluppo. ​​

 

 

L'auto connessa è quasi realtà<img alt="" src="/PublishingImages/auto%20connessa.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/auto-connessaL'auto connessa è quasi realtàI dati parlano di una forte crescita dei servizi per la connessione dei veicoli con le infrastrutture di telecomunicazione. Rosario-Murgida2020-09-16T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Auto: il virus spinge l’elettrica<img alt="" src="/PublishingImages/auto%20elettriche%20post%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/auto-elettriche-post-covidAuto: il virus spinge l’elettricaIl processo di elettrificazione subirà sicuramente un rallentamento nel breve termine, ma con il ritorno alla normalità le vetture alla spina potrebbero ricevere una spinta decisiva.Rosario-Murgida2020-08-27T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il business del climate litigation<img alt="" src="/PublishingImages/climate%20litigation.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/climate-litigationIl business del climate litigationC’è una crescita esponenziale nel mondo per le cause e i contenziosi giuridici provocati dalla crisi climatica. Sul banco degli imputati anche gli Stati. Difendere il Pianeta diventa un affare legale.Andrea-Di-Turi2020-07-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La decrescita felice è un’illusione<img alt="" src="/PublishingImages/coronavirus%20decrescita%20felice.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-decrescita-feliceLa decrescita felice è un’illusioneNell’economia post virus tutta da costruire abbiamo l’occasione di dare vita a un ciclo costruttivo e risuonante fra benessere umano e del pianeta.Grammenos-Mastrojeni2020-07-22T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Ripartire da aree verdi e paesaggio <img alt="" src="/PublishingImages/tutela%20paesaggio.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tutela-paesaggioRipartire da aree verdi e paesaggio Ogni abitante italiano ha in “carico” oltre 380 m2 di superfici occupate da cemento, asfalto o altri materiali artificiali, un valore che cresce di quasi 2 m2 ogni anno. La pandemia ha esasperato le criticità.Roberta-Lazzarini2020-07-15T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD