Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Fare affari con la natura

Fare affari con la natura

Environment

Da dove viene e che destino avrà la tendenza crescente delle imprese a considerare la natura come partner del proprio business.

​Non che prima fosse poco tenuta in considerazione, ma fino a qualche anno fa la natura entrava negli affari di chi vende e produce per un obbligo etico esterno e distante. Se oggi le cose stanno cambiando, e le aziende devono tenere conto delle conseguenze del loro lavoro sull'ambiente, è grazie alla spinta del consumatore.

È il suo senso di responsabilità per primo a motivare le loro scelte strategiche, quelle che poi influenzano le loro azioni quotidiane.
Se dobbiamo scommettere sul futuro del rapporto tra economia e ambiente, quindi, possiamo intravedere un nuovo tipo di rivoluzione industriale. E questa volta non sarà stimolata da scoperte e innovazioni tecnologiche, ma dal rapporto che ha l'economia con la natura.

Considerare le conseguenze

Oggi gli impatti di uno specifico modello di business sulla natura non sono più considerabili come un effetto collaterale, un male necessario da mettere in conto a piè di lista. Ora, il nuovo approccio al tema non si serve più del termine esternalità – in questi casi negative – per chiamare questo tipo di effetti. I prodotti, i servizi e le attività intermedie hanno sempre avuto un'impronta ecologica, ma questa era sempre inclusa tra le esternalità perché non si vedeva mai un suo peso diretto e immediato sul produttore o sul consumatore. Si pensava che a pagare fosse sempre qualcun altro, molto in là nel tempo. Qualcuno che stava fuori dallo scambio economico – ecco perché esternalità. Ed è qui che il paradigma è cambiato: ogni consumatore – almeno la tendenza crescente nei mercati occidentali è questa – si sente personalmente toccato da ciò che consuma e da come lo fa. Ed è così che induce le aziende a considerare preventivamente e non ex post, le conseguenze del loro lavoro sull'ambiente, in tutta la catena del valor​e: a partire dalle fonti di approvvigionamento fino alla dismissione, passando per l'utilizzo.

Da clienti a finanziatori

Questa spinta esercitata dal consumatore è oggi fortissima. È così potente da non influenzare solo le effettive azioni pratiche di produrre con poco, progettare con l'idea di riciclare, riutilizzare un prodotto in futuro o realizzare un servizio con un basso impatto ambientale. È persino in grado di determinare la modalità con cui le aziende ora costruiscono il proprio racconto, quale lessico utilizzano, che tipo di posizionamento del proprio marchio decidono di avere. La forza ideologia di questa contaminazione si nota anche dalla postura commerciale dei consumatori, che non si sentono più clienti ma finanziatori di un'impresa.

 Per questo vogliono sapere di più:

  • sui materiali utilizzati, come ad esempio la plastica,
  • sul rispetto delle regole nei processi produttivi,
  • sulle condizioni di lavoro,
  • sui paesi di provenienza delle materie prime.

La loro conoscenza dell'azienda da cui comprano li rende direttamente coinvolti e partecipi del suo modello di business.

Lavorare per una causa

In questo solco, l'acquisto di un prodotto o di un servizio di un'azienda non rappresenta più solo uno scambio commerciale, ma un sostegno diretto da parte del consumatore.
Così, comprare diventa lavorare per una causa insieme all'azienda che produce, distribuisce, vende.
Diventa poi inevitabile che le aziende e i vertici che le guidano siano influenzati anche dal valore – o meglio dal non danno – che producono per i cittadini, e non più solo dal famoso valore per gli azionisti.
Così, le aziende:

  • prendono una posizione sulle tematiche ambientali;
  • rendono esplicita una loro visione sugli effetti collaterali del modello capitalista attuale e sul modello economico che loro considerano desiderabile;
  • affermano la loro convinzione rispetto alle crisi ecologiche o alle diseguaglianze sociale ed ambientali.

Ceo attivisti

Con un mercato di consumatori così ideologicamente attivi da diventare quasi sostenitori e finanziatori dell'azienda, è ine​vitabile che diventino attivisti anche i Ceo. “Noi siamo per l'impresa che genera profitto" ha detto poche settimane fa il nuovo Ceo di Patagonia Ryan Gellert “ma ci impegniamo ad utilizzare il nostro business per fare qualcosa di più del mero denaro". E con queste premesse, influenzati dalle conseguenze dell'economia sulla natura, con sempre maggiore frequenza si chiedono:

  • il nostro modello d'impresa crea anche significativi benefici sociali e ambientali?
  • Quanto resisteranno nel tempo questi benefici?
  • Saranno legati anche ai benefici economici che realizziamo per i nostri azionisti ed i nostri clienti?

Il successo di questi percorsi, oggi sempr​e più sentiti e condivisi dai consumatori, dipenderà dalla capacità delle aziende di tradurli in scelte interne sempre più coerenti. Modificare e mantenere nel ​tempo le proprie abitudini ed azioni quotidiane è difficile per le aziende quanto per i consumatori.

 

 

Mediterraneo nostrum<img alt="" src="/PublishingImages/mar%20mediterraneo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/mediterraneo-nostrumMediterraneo nostrumDopo la dichiarazione dei ministri competenti di 42 Stati dell’Unione del Mediterraneo ora ci sono obiettivi chiari per salvare un patrimonio che ha 7000 anni di storia e valori condivisi.Grammenos-Mastrojeni2021-10-17T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Dalla guerra fredda a quella verde<img alt="" src="/PublishingImages/guerra-verde.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/guerra-verde-energiaDalla guerra fredda a quella verdeLa strada verso il cambiamento climatico non è un pranzo di gala. E sta portando la già viva competizione commerciale e militare tra USA e Cina, sul terreno del clean tech.Antonio-Belloni2021-10-12T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Sostenibilità? Non c’è senza le Pmi<img alt="" src="/PublishingImages/pmi-sostenibili.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/pmi-sostenibilitàSostenibilità? Non c’è senza le PmiPerché per riorientare il sistema economico-produttivo rapidamente serve anche l’impegno delle piccole e medie imprese.Andrea-Di-Turi2021-10-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La rivoluzione verde corre sui binari <img alt="" src="/PublishingImages/treni%20verdi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/treni-verdiLa rivoluzione verde corre sui binari La rimonta del treno nel periodo dell'emergenza sanitaria, con gli aerei a terra e il crollo del consumo di carburanti, dimostra che si può essere resilienti anche in viaggio. Elena-Comelli2021-09-26T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vivere second hand, senza rinunciare a nulla <img alt="" src="/PublishingImages/seconda%20mano.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/seconda-manoVivere second hand, senza rinunciare a nulla La compravendita dell’usato vale già 23 miliardi, non dà solo una mano all’ambiente ma è la strada per trovare moda, design e tech con caratteristiche uniche. Ecco una guida alle migliori piattaforme. Alexis-Paparo2021-09-21T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Cybersecurity: serve una rivoluzione culturale <img alt="" src="/PublishingImages/cyber-attacchi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurity-attacchiCybersecurity: serve una rivoluzione culturale L’attacco informatico alla Regione Lazio ha evidenziato la vulnerabilità informatica della nostra PA. Così è stata costituita l’Agenzia Unica per la Cybersicurezza. Changes ne ha parlato con Ranieri Razzante.Luca-Politi2021-10-03T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Come essere phygital<img alt="" src="/PublishingImages/phygital.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/phygitalCome essere phygitalDi persona e in digitale: la fusione tra le due dimensioni è la formula di organizzazione ibrida del lavoro che si sta affermando post pandemia ma non è nata oggi.Monica-Bormetti2021-09-29T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD