Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Benvenuti in Changes Unipol

Benvenuti in Changes Unipol

Close to you

Il modo di comunicare sta cambiando e per certi versi non è ancora chiaro quali saranno le evoluzioni dei prossimi anni. Abbiamo un’unica certezza: gli stereotipi con cui abbiamo ragionato fino ad oggi non sono più validi.

​​​​​​​​​La crisi della carta stampata è sotto gli occhi di tutti, il possibile turnaround industriale degli editori con le copie digitali è un processo in atto ma con risultati tutti da verificare: si sta cercando di cambiare lo strumento di comunicazione, da carta stampata a copie digitali, ma continuando a pensare con le vecchie logiche, solo in pochi stanno realmente comprendendo la portata della rivoluzione digitale in atto. È un po’ come quando si comincia ad imparare una nuova lingua, lo sforzo iniziale porta a tradurre le parole letteralmente per poi cercare di capire le logiche sottostanti il nuovo idioma. Ma il vero salto di qualità lo facciamo solo quando riusciamo a pensare come se fossimo madrelingua. 

Ecco, nel nuovo ecosistema della comunicazione è come se fossimo nello step intermedio. Certo, i più giovani e le persone con maggiore dimestichezza con gli strumenti digitali si trovano già nella fase finale di questo processo, ma molto lavoro rimane da fare. Gran parte della popolazione si trova in una sorta di limbo, non gradisce (più) la carta stampata, si informa genericamente sui siti internet delle principali testate e ha cominciato ad utilizzare da qualche anno i social per ottenere informazioni. Se vogliamo dirla con i termini in voga al momento, gran parte degli italiani è nella fase 1.0 che sta pian piano diventando 2.0 e intanto il mondo ragiona e agisce già 3.0. Se il gap tecnologico sembra possa essere colmato nel corso dei prossimi anni c’è un lungo percorso da intraprendere sul fronte dei contenuti di qualità, il vero assente dal dibattito attuale sul futuro della comunicazione. Ma non è possibile lasciare il campo solo ai gruppi editoriali, occorre che le aziende contribuiscano, non solo per tutelare e consolidare le legittime aspettative economiche, ma soprattutto per far emergere quegli argomenti che rappresentano le sfide dei prossimi anni, altrimenti destinati a rimanere latenti nel migliore dei casi.

Per cercare di rispondere a questa esigenza nasce Changes, il Magazine del Gruppo Unipol, dove troveranno spazio le sfide del mondo assicurativo dei prossimi anni, che poi in fondo, osservando attentamente, rappresentano le sfide che dovremo affrontare come collettività. ​Alcuni osservatori di prestigio hanno già colto l’invito a collaborare, altri stanno per raggiungerci: ma non vogliamo porci limiti, la porta dei contributi di qualità sarà sempre aperta a chi vuole capire e guardare il futuro. Come noi.

Vi aspettiamo

​​

 

 

L’economia che non si tocca, ma si sente<img alt="" src="/PublishingImages/changes%20magazine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/economia-che-non-si-tocca-ma-si-senteL’economia che non si tocca, ma si senteDesign, branding, ricerca, tecnologia, formazione e cultura aziendale. Sono tutti asset che non rientrano nella definizione di “capitale” tradizionale, ma che contano nei bilanci. Il terzo numero di Changes affronta la rivoluzione degli intangibili.Fernando-Vacarini2019-05-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Brand journalism: chi era costui?<img alt="" src="/PublishingImages/brand%20journalism.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/brand-journalism-chi-era-costuiBrand journalism: chi era costui?La scelta del Gruppo Unipol è frutto della mediazione tra giornalismo tradizionale e pubbliche relazioni, partendo dalla base solida degli Osservatori aziendali. Ne abbiamo parlato all’International Journalism Festival.Fernando-Vacarini2019-04-04T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Terremo ancora le mani sul volante<img alt="" src="/PublishingImages/passenger%20economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/terremo-ancora-le-mani-sul-volanteTerremo ancora le mani sul volanteLa Passenger economy descrive uno scenario dove i guidatori di automobili sono retrocessi a passeggeri perché a trasportarli c’è un sistema di intelligenza artificiale. Ma siamo solo all’inizio.Fernando-Vacarini2018-11-25T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Clima: come governare il cambiamento<img alt="" src="/PublishingImages/changes%20magazine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/clima-come-governare-il-cambiamentoClima: come governare il cambiamentoA un anno dal lancio del Blog online nasce Changes, il magazine semestrale del Gruppo Unipol. Il primo numero è dedicato ai mutamenti climatici e alle sfide che possiamo vincere insieme.Fernando-Vacarini2018-02-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Quanti pensieri nella testa del digital consumer<img alt="" src="/PublishingImages/digital%20consumer%20covid.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/digital-consumer-covidQuanti pensieri nella testa del digital consumerLa tecnologia digitale agisce sempre di più sul nostro modo di pensare e di acquistare. Un fenomeno amplificato dall’epidemia di Coronavirus.Vittorio-Verdone2020-09-09T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Vita e lavoro racchiusi in uno schermo <img alt="" src="/PublishingImages/videocentrismo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/videocentrismoVita e lavoro racchiusi in uno schermo In questo 2020 così surreale l’esperienza videocentrica ha subito un’accelerazione senza precedenti. E il video è diventato un riflesso su cui incentrare la nostra vita quotidiana e il lavoro a distanza.Giampaolo-Colletti2020-09-08T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il DNA è già un business<img alt="" src="/PublishingImages/business%20dna.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/business-dnaIl DNA è già un businessUn’analisi del MIT stima che entro il 2021 saranno oltre 100 milioni le persone censite attraverso i geni. Così la scienza aiuta il marketing sulla strada di consumi personalizzati e nuove esperienze di acquisto.Elisa-Venco2020-09-06T22:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD