Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > App Contact Tracing: la via italiana per tracciare il virus

App Contact Tracing: la via italiana per tracciare il virus

Technology

Cosa c’è dentro la App Immuni sviluppata dalla società Bending Spoons? Changes ne ha parlato on Luca Bolognini, Presidente dell’Istituto Italiano Privacy, per capire come funziona e qual è l’applicazione delle norme a tutela dei dati personali.

Si chiamano sistemi di contact tracing e sono i protagonisti ormai da settimane del dibattito pubblico. Da loro potrebbe dipendere la buona riuscita della fase due dell'emergenza legata al Covid-19, quella della ripartenza dopo il lockdown.  Tutto si basa su un'app in grado di mappare i nostri contatti e allertarci su eventuali interazioni con soggetti-utenti contagiati, a cui far seguire quarantena e ulteriori procedimenti diagnostici.

Di contact tracing si parla praticamente dalle prime settimane dell'epidemia, con sguardo sempre più preoccupato riguardo ai temi legati alla tutela dei dati personali dei cittadini. Che ne sarà della nostra privacy con queste app?

Come sappiamo anche il Governo Italiano nella fase due ha scelto di affidarsi a un'app che si chiamerà Immuni e sarà sviluppata dall'azienda italiana Bending Spoons. Le sue caratteristiche sono state descritte dal Decreto Legge n.43 dello scorso 29 aprile.

Con Luca Bolognini, avvocato e presidente dell'Istituto Italiano Privacy partiamo in un viaggio attraverso i nodi principali del complesso rapporto contact tracing- privacy. «Le due cose non sono in conflitto – precisa subito Bolognini -  La privacy è un diritto fondamentale degli individui di tutti, ma non è un diritto assoluto è un diritto che può comprimersi in presenza di altri interessi pubblici. Comprimersi mai annullarsi».

Ma quali sono i principi che tutti i sistemi di tracciamento devono attenersi? «Il primo principio è un principio di necessità: queste soluzioni devono essere utili, altrimenti la raccolta di dati risulterebbe inulte e sproporzionata. Dopo di che bisogna applicare l'articolo 5 del GDPR con i criteri di liceità, trasparenza, correttezza, minimizzazione dei dati (meno dati possibili), sicurezza, esattezza e precisione».  Fissati questi principi, assieme al Presidente Bolognini possiamo partire nel nostro viaggio tra le scelte della soluzione italiana di Immuni.

1.    Volontarietà

Nessun cittadino sarà obbligato a scaricare e utilizzare l'app. Dopo alcune esitazioni è stata anche abbandonata la strada dell'incentivazione al suo utilizzo. Non ci saranno disparità, insomma, tra chi decide di scaricare l'applicazione e chi no. Chiaramente più persone utilizzeranno l'app, maggiore sarà la sua efficacia.

2.    La scelta del Bluetooth Low Energy

Bluetooth o GPS? Il dilemma in tema di privacy non è da poco. Con il Bluetooth è possibile ricostruire un contatto indipendentemente dal luogo in cui esso sia avvenuto, con la tecnologia GPS il contatto viene anche geolocalizzato in un dato luogo preciso. Immuni si baserà sulla tecnologia bluetooth: qualora io venga a contatto con un contagiato il sistema mi invierà un alert, ma non mi dirà dove è avvenuto il contatto, giacché non sarebbe proprio in grado di saperlo.

3.    Immuni accede ai nostri contatti personali?

A differenza di quello che succede per molte app in uso, Immuni non accederà alla nostra rubrica personale. Secondo quanto si legge in un documento pubblicato sul Sito del Ministero dell'Innovazione «Immuni non chiederà il nostro numero di telefono in quanto l'alert dell'eventuale contatto con un contagiato non sarà mandato via sms, bensì con una notifica all'interno dell'app stessa».

Il decreto del 29 aprile, inoltre, conferma che i dati «non possono essere utilizzati per finalità diverse» da quelle del tracciamento dei contatti per l'emergenza Coronavirus. ​

4.    Anonimizzazione e pseudonimizzazione dei dati

Nel decreto del 29 aprile si specifica: “Il trattamento sarà basato sui dati di prossimità dei dispositivi, resi anonimi, oppure, ove ciò non sia possibile, pseudonimizzati". L'app genererà perciò Id randomici. «La pseudonimizzazione– specifica Luca Bologningi - permetterà al dato di non essere attribuito direttamente a un soggetto. Un ottimo strumento per individuare i rapporti tra le persone e rispettare il principio fondamentale della minimizzazione del dato, ovvero trattare solo quelle informazioni necessarie alla finalità del servizio».

5.    La conservazione decentralizzata dei dati

Inizialmente l'App Immuni pensava ad una conservazione dei dati in server pubblici. Una decisione in controtendenza con le raccomandazioni dell'European Data Protection Board. Presto perciò è stato promosso un modello decentralizzato di conservazione dei dati che saranno conservati negli smartphone di ciascun utente. Una soluzione che va incontro anche alle esigenze di Apple e Google: i due colossi sostengono il modello decentralizzato e la loro opposizione all'iniziale modello italiano avrebbe potuto inficiare l'operatività sui loro sistemi. Il rischio, tuttavia, secondo Bolognini è che «il modello centralizzato offriva più garanzie nello studio e nell'analisi dei dati. La scelta della decentralizzazione, insomma, potrebbe contravvenire al principio di necessità, ovvero alla stessa efficacia dell'app».

6.    L'Oblio dei dati personali

Fino a quando i dati raccolti dai sistemi di contact tracing devono essere conservati? Nel decreto del 29 aprile si stabilisce anche la distruzione dei dati: «I dati relativi ai contatti stretti sono conservati, anche nei dispositivi mobili, per il periodo strettamente necessario al trattamento, la cui durata è stabilita dal ministero della Salute ma comunque non oltre il 31 dicembre 2020».

7.    Immuni sarà Open Source

Il Ministero dell'Innovazione, nel sopracitato documento, ha anche chiarito come il codice sorgente di Immuni dovrà essere rilasciato con licenza Open Source MPL 2.0, quindi libero e verificabile da chiunque. Il tutto in linea con il principio della trasparenza dei dati personali. Il codice sorgente potrà dunque essere rivisto da qualunque soggetto indipendente voglia studiarlo. Inoltre, come si stabilisce sempre nel decreto del 29 aprile «la piattaforma per il tracciamento dei contatti sarà realizzata esclusivamente con infrastrutture localizzate sul territorio nazionale e gestite da amministrazioni o enti pubblici o in controllo pubblico».

Funzionamento e privacy, dunque, efficacia dell'applicazione nella mappatura del contagio e rispetto dei dati personali degli utenti: lo sviluppo dell'app Immuni si gioca tutto su questo equilibrio. Una coperta di Linus, insomma, anche in questo caso immancabilmente corta.​

 

 

Tutti dietro lo scudo cyber<img alt="" src="/PublishingImages/cybersicurezza.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/cybersecurityTutti dietro lo scudo cyberSmart working, scuola a distanza e digitalizzazione hanno aumentato le minacce che arrivano da hacker e pirati informatici. A che punto è l’evoluzione della cybersecurity in Italia? L’impegno del Gruppo Unipol.Luca-Politi2021-01-12T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’auto elettrica carica le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/nodi%20elettrici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nodi-elettriciL’auto elettrica carica le batterieLe vetture alla “spina” sono ancora una nicchia: tanti nodi rimangono da sciogliere e intanto si studiano nuove soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.Roberto-Valguarnera2021-01-06T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Filosofia degli influencer<img alt="" src="/PublishingImages/influencer-instagram.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/influencer-instragramFilosofia degli influencerUn libro su Chiara Ferragni spiega il successo degli instragrammer con la volontà di somigliare a qualcun altro, di concepirsi altro da ciò che si è. Changes ne ha parlato con la filosofa Lucrezia Ercoli.Nicola-Di-Turi2020-12-22T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’algoritmo vince sul dato<img alt="" src="/PublishingImages/tecnologia%20etica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/etica-tamburriniL’algoritmo vince sul datoIl rapporto tra etica e tecnologia deve darsi degli obiettivi realistici che non guardano alle azioni ma alle regole. Changes ne ha parlato con il filosofo Guglielmo Tamburrini.Nicola-Di-Turi2020-12-02T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Onlife: il consumatore è ibrido <img alt="" src="/PublishingImages/consumatore-ibrido.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/consumatore-ibridoOnlife: il consumatore è ibrido Siamo nell’era del post digitale e abbiamo capito che nel customer journey non c’è soluzione di continuità tra reale e virtuale. L’accesso ai servizi deve essere «anytime, anyway, anywhere». Luciano-Floridi2020-11-09T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Office economy: gestire lo spazio <img alt="" src="/PublishingImages/office-economy.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/office-economyOffice economy: gestire lo spazio L’ufficio è al centro della scena. Il suo svuotamento mette in crisi l’economia che ci gira intorno, e la sua riorganizzazione interna sarà decisiva per tornare a viverlo. Ma con quali regole e spazi?Antonio-Belloni2021-01-04T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Workplace: otto trend per il 2021<img alt="" src="/PublishingImages/workplace-2021.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/workplace-2021Workplace: otto trend per il 2021Formazione, fiducia, inclusione e sicurezza. I cambiamenti destinati a ridisegnare le strategie delle aziende e l’approccio delle persone al lavoro.Nadia-Anzani2020-12-29T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
L’auto elettrica carica le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/nodi%20elettrici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nodi-elettriciL’auto elettrica carica le batterieLe vetture alla “spina” sono ancora una nicchia: tanti nodi rimangono da sciogliere e intanto si studiano nuove soluzioni per abbattere le emissioni di CO2.Roberto-Valguarnera2021-01-06T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD