Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Giovani e istruzione: le opportunità dell'Agenda Digitale

Giovani e istruzione: le opportunità dell'Agenda Digitale

Technology

Le competenze digitali non saranno necessarie solo per i lavori digitali ma per ogni singola carriera. Questa è un’occasione che non deve aumentare le divisioni.

L'Agenda Digitale per il 2020-2025, approvata dal Parlamento Europeo e dalla Commissione, è un tema ancora più fondamentale con il processo di digitalizzazione dell'istruzione e del lavoro in seguito alle misure di distanziamento sociale per la pandemia da COVID-19.
​Per quanto l'adattarsi sia stato, per tutti gli attori coinvolti, una grande sfida, siamo diventati ancora più consapevoli della necessità di acquisire le competenze digitali fondamentali (digital literacy) per vivere in un mondo in veloce evoluzione.

In particolare è emersa l'importanza dell'educazione digitale fin dai primi anni di scuola, per garantire alle nostre più giovani generazioni di cittadini l'accesso al mondo del lavoro e alla società di un futuro ormai sempre più prossimo. È quindi il momento, anche per il nostro paese, di aprire un dibattito sull' “agenda dell'istruzione digitale", che possa coinvolgere tutti gli attori rilevanti: studenti, settore privato (dunque i futuri datori di lavoro) e istituzioni.

Difatti, poiché le competenze digitali non saranno necessarie solo per i lavori digitali, ma per ogni singola carriera, è fondamentale che l'istruzione digitale diventi parte integrante dei programmi scolastici dall'inizio della scuola primaria fino all'istruzione terziaria. Le aziende dovrebbero collaborare con i ministeri dell'istruzione per identificare le competenze digitali chiave per i lavori di domani, in modo che possano essere progettati programmi di “educazione digitale" a beneficio di studenti e insegnanti.

Gli attori del settore pubblico e privato potrebbero progettare insieme un "Certificato delle competenze digitali" come strumento per dimostrare e valutare tali competenze alla fine dei percorsi di apprendimento formale o informale. Sarebbe anche utile per comprendere il livello e la qualità di tali competenze nella popolazione e per le aziende che desiderano valutarle in un potenziale dipendente.
I (futuri) possibili datori di lavoro, tuttavia, dovrebbero fornire agli studenti opportunità di apprendimento anche al di fuori dell'ambiente scolastico (ad esempio corsi online, stages di persona e online da offrire agli studenti delle scuole secondarie o corsi di programmazione offerti dalle aziende tecnologiche, per citare alcuni esempi).

L'educazione digitale può inoltre essere un'occasione fondamentale per alcuni dei gruppi più vulnerabili, aiutando a spezzare cicli intergenerazionali di povertà. Proprio per questo è imperativo evitare che l'acquisizione di competenze digitali diventi un lusso a causa del divario digitale (digital divide). Pertanto, dobbiamo mettere in atto iniziative specificamente rivolte a gruppi che altrimenti potrebbero essere esclusi dalla competenza digitale (come iniziativa “Girls can code", in italiano “Le ragazze possono programmare").

L'educazione digitale deve quindi avvenire anche  e soprattutto nelle scuole situate nelle periferie delle grandi città, nelle campagne più isolate e nei campi profughi, perché non possiamo permetterci di perdere quest'opportunità così promettente di ridurre le disuguaglianze. 
L'istruzione è, infine, uno dei settori chiave in cui l'Italia deve investire nel quadro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per massimizzare le possibilità di costruire davvero un futuro migliore. L'educazione digitale nello specifico è una sfida chiave dell'istruzione, nella quale né il settore pubblico né quello privato possono permettersi fallire.

Testo a cura di Virginia Maria Barchiesi (18 anni, studentessa)

 

 

Guida autonoma: tra sogno e realtà<img alt="" src="/PublishingImages/futuro%20guida%20autonoma.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/guida-autonomaGuida autonoma: tra sogno e realtàVetture che guidano da sole: è veramente imminente il loro ingresso sul mercato? Potremo utilizzarle presto? Gianfranco-Burzio2022-01-19T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
NFT: una rivoluzione appena iniziata<img alt="" src="/PublishingImages/nft.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/nftNFT: una rivoluzione appena iniziataIl mercato dei Non-fungible Token nel 2021 è esploso e sempre più oggetti digitali sono certificati e venduti tramite questa modalità. Ma come funzionano e quali sono le loro applicazioni future nel “mondo reale”? Luca-Politi2021-12-27T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
La tecnologia non è neutra <img alt="" src="/PublishingImages/tecnologia%20non%20è%20neutra.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/tecnologia-neutraLa tecnologia non è neutra Le tecnologie intellettuali come l’orologio e la macchina così come quelle digitali hanno un’influenza diretta sul nostro pensiero.Monica-Bormetti2021-12-08T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Il metaverso entra in tv<img alt="" src="/PublishingImages/metaverso-televisione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/metaverso-televisioneIl metaverso entra in tvLa televisione si trasferisce nell’universo Android, iOS, Apple, Google, Amazon, Meta. E questo avrà impatti fortissimi sia sui contenuti audiovisivi e sull’hardware degli apparecchi. Claudio-Plazzotta2021-11-30T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Nel collo di bottiglia dei chip<img alt="" src="/PublishingImages/crisi-chip.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/crisi-chipNel collo di bottiglia dei chipLa domanda di beni elettronici e di energia pulita è esplosa. Le materie prima mancano. Perché la transizione verso la sostenibilità ha mandato in crisi domanda e offerta.Luca-Politi2021-11-14T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

 

 

Il virus nemico del sonno <img alt="" src="/PublishingImages/covid%20sonno.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/covid-sonnoIl virus nemico del sonno Il diffondersi della pandemia ha modificato le abitudini notturne delle persone e ha cambiato il tempo e la qualità del dormire. Le ricadute sulla salute.Roberta-Lazzarini2021-01-26T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
Clima 2022: serve un’alleanza per la transizione<img alt="" src="/PublishingImages/transizione%20sostenibile.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/transizione-sostenibileClima 2022: serve un’alleanza per la transizioneEcologica o sostenibile? La strada per il cambiamento e la salvaguardia del Pianeta è aperta. Ma la partita va giocata tutti insieme.Grammenos-Mastrojeni2022-01-11T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it
C’è una second life per le batterie<img alt="" src="/PublishingImages/seconda%20vita%20batterie.jpg" style="BORDER:0px solid;" />https://changes.unipol.it/seconda-vita-batterieC’è una second life per le batterieIl deperimento della “benzina sostenibile” delle auto elettriche è lento. Dopo una decina d'anni la densità energetica cala ma possono essere impiegate per altri usi.Elena-Comelli2022-01-12T23:00:00Zhttps://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD