Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Technology > Net neutrality: da sola non basta

 Net neutrality: da sola non basta

Technology

 L’accesso e il servizio internet uguali per tutti come qualità e disponibilità è sempre in discussione. Ed è una garanzia fondamentale, ma servono misure per evitare che il potere si concentri nelle mani di pochi.

​​​Se ogni operatore fosse libero semplicemente di dare preferenza ai propri partner, l'innovazione sarebbe enormemente ridotta. Ci sarebbe un filtro e non avremmo più una rete che dà a tutti la possibilità di innovare, ma garantirebbe un modello di business e di crescita soltanto a chi ha un accordo con i provider.

La neutralità della rete è un concetto che va difeso. Senza avremmo qualcosa che assomiglia molto di più al sistema di broadcasting, alla televisione, soprattutto quella via cavo. Senza, avremmo che la diffusione dei contenuti che hanno un accordo commerciale con il provider sono favoriti. È quello che per esempio sta avvenendo negli Stati Uniti, dove i grandi nomi inseguono integrazioni verticali, come dimostrano le acquisizioni di broadcaster come Nbc Universal o Time Warner, per dare preferenza ai loro contenuti e degradare quelli dei competitor.

La neutralità della rete è un principio fondamentale per garantire che internet resti quello che è sempre stato: cioè un ambiente aperto all'innovazione, decentralizzato dove è l'utente che da un lato definisce l'evoluzione della rete e dall'altro creare nuovi servizi. Pensiamo soltanto a chi adesso rientra nella classifica dei maggiori miliardari al mondo: venticinque anni fa erano soltanto studenti che creavano piattaforme e applicazioni e hanno avuto queste possibilità perché internet era relativamente neutra. Infatti potevano tranquillamente, e in maniera non discriminatoria, condividere la loro applicazione, avere molto successo e, di conseguenza, continuare a fornire il servizio senza dover sottostare a nessun contratto specifico con gli operatori. 

La mancanza di neutralità significa che l'operatore, l'internet service provider che ti dà accesso a internet, può - se vuole - bloccare o diminuire la qualità di certi servizi. Con il risultato che non vivremmo più in un ambiente aperto all'innovazione, ma in un ambito nel quale è l'operatore che definisce che cosa si guarda, quale tipo di contenuto e di notizie si ricevono, quale tipo di servizio più utilizzare. Né più né meno di quello che avviene nella rete telefonica.

Per capire i risvolti economici e sociali, quando si parla di utente, poi non bisogna guardare soltanto ai diritti di chi riceve un servizio. Ma dobbiamo riferirci anche alle start up. Tra i maggiori sostenitori della neutralità, non a caso, ci sono loro: quelle di oggi chiedono di avere le stesse possibilità di chi vent'anni fa le ha precedute. Aziende che hanno potuto espandersi perché non c'erano restrizioni e discriminazioni. Per questo, ci sono già almeno 50 Paesi in tutto il mondo che hanno definito la neutralità come un principio a livello legislativo.

La neutralità, come detto, è soprattutto un principio che prescrive il trattamento non discriminatorio nel trattamento di traffico da parte dell'operatore, dei provider di accesso a internet. Di conseguenza i principali attori di questo mercato, le piattaforme stesse, sono influenzate dall'assenza o dalla presenza di neutralità. Se c'è, c'è una competizione vera, altrimenti saranno privilegiati soltanto quei soggetti che hanno la capacità economica per fare business e imporre accordi ai competitor. 

Detto questo, la neutralità da sola non basta. Ci devono essere tutta una serie di altre misure che devono essere prese per limitare il potere dominante delle piattaforme: competizione, regolamentazione sia sulle posizioni dominanti sia su come i dati possono essere utilizzati. Perché anche in presenza di neutralità, che cosa succede quando tutti i dati vengono catturati da giganti come Facebook o Google e l'utente non può sapere come queste informazioni vengono utilizzate? Si perderebbe quel sacrosanto diritto alla portabilità, riconosciuto per esempio, dalla nuove norme europee. Paradossalmente scaricare i nostri dati in un formato interoperabile e portarli da una piattaforma a un'altra, è l'unica strada che ti consente di garantirsi una reale concorrenza di mercato e di superare i rischi di concentrazioni.​

 

 

Come crescere i bambini nell’era dell’Ai<img alt="" src="/PublishingImages/bambini%20intelligenza%20artificiale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/Ai-bambini-educazione.aspxCome crescere i bambini nell’era dell’AiCi sono vari modi per garantire attraverso l'intelligenza artificiale uno sviluppo sostenibile al nostro mondo. Indipendentemente dalle macchine che costruiamo e costruiremo, dobbiamo lavorare per far esplodere la creatività. GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Jonnie Penn2018-07-18T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Insurtech: 5 trend guidano il business<img alt="" src="/technology/PublishingImages/insurtech.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/insurtech-accenture.aspxInsurtech: 5 trend guidano il businessIntelligenza artificiale, realtà aumentata, data driven, servizi cross industry e internet delle cose stanno trasformando il settore assicurativo. E le compagnie rispondono alle esigenze dei consumatori con soluzioni semplici e personalizzate. GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Amato Della Vecchia2018-07-11T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
GDPR: la lunga estate dei dati<img alt="" src="/technology/PublishingImages/Gdpr%20scenario.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/gdpr-scenario.aspxGDPR: la lunga estate dei datiA un mese di distanza dall’entrata in vigore, ecco perché il GDPR è stata una rivoluzione copernicana. Cosa fare per avere tutte le carte in regola, in attesa del decreto attuativo di agosto.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Cristina Maccarrone2018-06-24T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Nuove tecnologie, nuove nevrosi<img alt="" src="/technology/PublishingImages/nevrosi%20social.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/nevrosi-tech.aspxNuove tecnologie, nuove nevrosiDal FOMO fino all’orbiting i social media e la paura di essere tagliati fuori non hanno solo cambiato le nostre abitudini. Quali sono le conseguenze sulla vita di relazione.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Diana De Caprio2018-06-19T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il futuro è troppo veloce per l'uomo?<img alt="" src="/technology/PublishingImages/uomo%20futuro%20sfide.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/orban-futuro.aspxIl futuro è troppo veloce per l'uomo?Machine learning e intelligenza artificiale dividono le persone in sostenitori e detrattori del cambiamento. Perché una macchina che pensa fa paura. Changes ne ha parlato con David Orban.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2018-06-05T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Il futuro dei libri? Non è solo e-commerce<img alt="" src="/technology/PublishingImages/libri%20innvovazione.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/libri-innovazione.aspxIl futuro dei libri? Non è solo e-commerceSi moltiplicano le iniziative legate all’editoria che vanno oltre il semplice acquisto on-line di un titolo. A BookCity Milano le ultime novità fra cui lo speed date letterario per “innamorarsi” dell'autore giusto.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Cristina Maccarrone2017-11-14T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
La mobilità rende la città intelligente<img alt="" src="/technology/PublishingImages/carlo%20ratti%20città%20futuro.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/carlo-ratti-auto.aspxLa mobilità rende la città intelligenteCarlo Ratti spiega a Changes come le nuove automobili abbiano il potere di ridefinire le aree urbane del ventunesimo secolo. Rimettendo al centro l’uomo e aprendo l'era della tecnologia calma.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Carlo Ratti2016-11-22T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il cybercrime costa quanto il Pil svizzero<img alt="" src="/technology/PublishingImages/cyber%20risks.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/cyber-risks.aspxIl cybercrime costa quanto il Pil svizzeroIl crimine digitale rappresenta un grosso rischio per la sicurezza di imprese e di intere nazioni. Ne abbiamo parlato con Alessandro Piva, direttore dell'Osservatorio Information Security & Privacy del Politecnico di Milano.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2017-01-04T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD