Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > Delivery e velocità: quanto dipende da noi?

 Delivery e velocità: quanto dipende da noi?

Society 3.0

 L’onda del delivery è partita con qualche hamburger spedito da una parte all’altra delle città. Oggi si è allungata ed allargata con effetti su mezzi, app, modalità e settori.

​​​Il grande motore del delivery, banalmente la consegna di merce a domicilio, è la velocità. Uno stimolo, che mette anche a rischio la sua stessa sostenibilità economica e sociale. L'esplosione del delivery è recente, e ha influenzato anche molte tipologie di trasporti, con l'evoluzione e l'integrazione dei mezzi di consegna utilizzati.

Dall'auto e l'aereo si è passati a declinazioni con mezzi e strumenti nazionali, locali e specializzati, come:

  • il camioncino tradizionale;
  • l'Ape Cross;
  • la bicicletta a impatto ambientale zero, per le zone più intricate e soprattutto per cittadini/consumatori green (vd. Francia e Nord Europa);
  • i droni (non sempre e solo per qualche specifico spazio e caso sperimentale).

La differenza rispetto all'evoluzione delle innovazioni del settore avvenute in altre epoche è la velocità. Ora tutto cambia alla svelta. I cambiamenti sono avvenuti anche nelle modalità di consegna. In breve si sono infatti sviluppate forme diverse di consegna, complementari e anche sovrapposte:

  • il negozio A consegna al cliente B;
  • si consegna dal negozio A al cliente B, tramite un delivery service generico C;
  • si consegna dal grande store al cliente;
  • si consegna tramite delivery service di settore (per esempio solo food);
  • si porta il prodotto dal fornitore/negozio A ad un collettore B dove poi il cliente C andrà a ritirare il pacco.


In pochissimi anni il delivery ha anche fagocitato più settori. All'inizio erano i tramezzini e i televisori. Poi sono arrivati i pacchi, le sigarette, la spesa, i fiori, il ristorante con un il fenomeno del food truck come modalità di consumo, non più solo di consegna localizzata e il vino.

Le innovazioni sono guidate dai consumatori

Abbiamo detto che la velocità è stata uno dei più grandi stimoli della diffusione del delivery, e le innovazioni disponibili sino sono diffuse trasversalmente per tutte le utenze (operatori, consumatori), in un lasso di tempo brevissimo. 

Prendiamo ad esempio il settore food, che tipicamente è composto da chi produce, chi trasforma e chi distribuisce. Se produzione e trasformazione hanno tempi "naturali" che non si possono modificare, i cambiamenti più intensi e recenti sono stati proprio nella fase di distribuzione. E i tempi della consegna "strizzata" del cibo sono diventati l'emblema della velocità ad ogni costo. Per cui la velocità è diventata la parola d'ordine. Per tutti. E anche se ha conseguenze dirette sul lavoro, e riguarda:

  • la flessibilità degli orari (si consegna anche nel week end e nei giorni festivi);
  • le condizioni di lavoro e i contratti dei rider/driver;
  • il salario minimo e retribuzione oraria. 

È stata proprio l'evoluzione delle consegne attraverso i riders del food a portare il tema della velocità sul tavolo degli imputati. E rendere finalmente importante una domanda: la velocità è sempre necessaria?
Vi sono infatti settori con rinomate e costosissime inefficienze, in termini di tempo – pensiamo alle poste e ai pacchi – in cui la velocità sta mostrando il suo lato positivo, diventando l'agente provocatore di una razionalizzazione necessaria. In altri casi mostra invece il suo lato negativo, ed appare un'evidente forzatura dei tempi, quando non è indispensabile, né etica, né sostenibile.

Un lato che non pervade più solo il food. In un'epoca che sembra molto lontana il delivery aveva come oggetto la consegna dei libri, per cui si poteva aspettare un mese. Oggi saldi continui, eCommerce snelli ed efficienti che connettono cliente e prodotto a chilometri di distanza, hanno costruito un mondo commerciale in cui qualsiasi cosa è possibile. Dove il consumatore compra quando vuole, quanto vuole, come vuole. E quando lo vuole? Subito! Anche quando non serve. E quanto lo paga? Poco! Anche se il prezzo che gli altri pagano per farglielo arrivare è tanto. ​

 

 

Coworking: sempre più uno state of mind<img alt="" src="/society/PublishingImages/SOCIETY%20coworking.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/coworking.aspxCoworking: sempre più uno state of mindNon solo per liberi professionisti. I luoghi di lavoro condiviso sono scelti sempre più anche dalle aziende che ne sfruttano la tendenza alla contaminazione culturale e la propensione al cambiamento. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Cristina Maccarrone2019-05-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L’industria 4.0 passa dall’HR<img alt="" src="/society/PublishingImages/hr%20digitale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/hr-digitale.aspxL’industria 4.0 passa dall’HRUna ricerca Gartner mette la funzione risorse umane al centro dello sviluppo della cultura del digitale all'interno delle aziende. L’Italia è pronta al cambiamento?GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2019-05-14T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Via le auto dal centro città<img alt="" src="/society/PublishingImages/Society%20centri%20chiusi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/centri-chiusi.aspxVia le auto dal centro cittàI continui annunci sulle chiusure dei centri cittadini al traffico veicolare rappresentano spesso dei palliativi che non tengono conto del progresso tecnologico. Ecco perché.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Rosario Murgida2019-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il potere dell'acqua<img alt="" src="/environment/PublishingImages/Environment%20economia%20acqua.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/environment/Pagine/economia-acqua.aspxIl potere dell'acquaSotto i nostri occhi si consuma l’emergenza di alluvioni, siccità e inquinamento. Ma l’economia dell’acqua è molto più vasta e profonda. E costringerà imprese e istituzioni a informarsi e pianificare strategie di lungo periodo.GP0|#07df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e;L0|#007df2ac6-ed69-4d0a-8ab3-d6b05407c88e|Environment;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Antonio Belloni2019-04-29T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: dalla mission al purpose<img alt="" src="/society/PublishingImages/Society%20purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/purpose.aspxAziende: dalla mission al purposeNon più solo profitto. Avere un impatto positivo sulla società circostante, migliorando il benessere sociale e ambientale di clienti e investitori è l’obiettivo dell’economia intangibile.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elena Comelli2019-04-28T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD