Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Society 3.0 > Non chiamateli animali

 Non chiamateli animali

Society 3.0

 I cani e i gatti hanno preso il posto dei figli in molte case degli italiani. Una relazione antropomorfa che fa risparmiare al sistema sanitario nazionale circa quattro miliardi di euro all’anno. Ecco perché.

​​​​​​In Italia si fanno meno figli (-2% di nascite nel 2017), la popolazione residente si riduce a quota 60,5 milioni, ma le case si riempiono di animali domestici. Ormai arrivati a 60,45 milioni, ovvero, in media, circa uno per persona: 29,9 milioni di pesci, 12,9 milioni di uccellini, 7,5 milioni di gatti, sette milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi (conigli, furetti, roditori) e 1,3 milioni di rettili (tartarughe, serpenti, iguane). Tuttavia, per prevenire la classica obiezione si trattano gli animali come i bambini, si spendono un sacco di soldi, vergogna, è interessante invece analizzare sin da subito gli effetti positivi economici di questa tendenza. La popolazione italiana, infatti, non fa figli e invecchia, e questo non è colpa degli animali. 

Ma la presenza di un pet in casa fa risparmiare al sistema sanitario nazionale circa quattro miliardi di euro all'anno (come spiega il Rapporto Assalco-Zoomark 2017). Il 55% degli over 65 anni ha un cane o un gatto che gli fa compagnia, e che diffonde un benessere psicofisico, un miglioramento delle relazioni sociali e anche della circolazione sanguigna, perché ci si muove di più. Anche per i bambini, inoltre, la presenza di un animale in famiglia è consigliabile: sviluppa l'autostima, il senso di responsabilità, la capacità affettiva e di socializzazione, e fortifica il sistema immunitario (in media, fanno 18 giorni in meno di assenze da scuola rispetto ai bambini senza animali in casa).

L'animale domestico diventa uno di famiglia, assume un che di istituzionale, ed è ormai anche tema di campagna elettorale, al punto che si fanno largo proposte di legge molto serie: la creazione di un'Anagrafe nazionale canina e felina; la riduzione dell'aliquota Iva sulle spese per il mantenimento degli animali da compagnia (l'aliquota del 22% su farmaci, mangimi, visite, è ritenuta troppo alta); l'aumento di spese detraibili; l'inserimento degli animali d'affezione nello stato di famiglia del proprietario; l'inclusione dei pet nel Censimento generale della popolazione italiana (dal 2021), poiché, al momento, l'Istat non li rileva; il rafforzamento della promozione dell'accesso dei pet presso locali, esercizi pubblici e attività ricettive (anche se l'Italia, da questo punto di vista, è ben messa rispetto ad altri paesi europei); l'introduzione nella Costituzione italiana di un riferimento agli animali d'affezione.

«Gli animali domestici non sono aumentati solo di numero, ma di importanza. Il cane, un tempo, viveva fuori, in giardino, lo salutavi qualche volta, gli portavi da mangiare. Ora vive in casa, sta sdraiato sul divano, e quando si ammala è come se si ammalasse un figlio. Ma è normale», ha sottolineato Gianluigi Mansi, direttore dell'unità di psichiatria degli Istituti Clinici Zucchi di Monza (gruppo ospedaliero San Donato), «perché fa parte a tutti gli effetti della famiglia. Di sicuro è vero che gli animali domestici hanno portato un miglioramento dei rapporti, con grandi qualità e potenzialità terapeutiche, ovviamente in nazioni ricche che hanno risolto i problemi basici. Gli animali, infatti, sono ad esempio utilissimi per scoprire le differenze: hanno mille sfumature, mille sentimenti, una varietà psicologica che ci porta a una maggiore attenzione alle caratteristiche di ciascuno». E servono pure in terapia: «Alcune volte si presentano pazienti con particolari fobie: la paura di volare, degli spazi chiusi o del vuoto. Si è poi scoperto che, da piccoli, avevano subito un trauma con alcuni animali, e avevano poi spostato questo trauma su altro, trasformandolo in una fobia diversa. Allora, quando ho pazienti con fobie, molto spesso consiglio loro un giro in canile, per sperimentare il rapporto con un animale, il loro affetto, il fatto che sono innocui. E funziona».

Cibo, cure sanitarie e coperture assicurative: come si sviluppa il business degli animali 

Attorno agli animali domestici si è ovviamente sviluppato un mercato, che, a livello mondiale, vale oltre 160 miliardi di euro all'anno. In Italia il mercato del cibo per gatti, per esempio, nel 2017 ha superato un miliardo di euro (+2% sul 2016), quello dei cibi per cani è vicino al miliardo (+5,8% sul 2016), mentre i giochi e gli accessori marciano a +3,2%. L'assistenza sanitaria, visite veterinarie e medicine, comporta spese annue per circa un miliardo, e cresce tutto il comparto del lavaggio, toelettatura o del dog sitting. All'ingrandirsi del business, che ormai sulla Penisola vale complessivamente oltre quattro miliardi di euro all'anno, c'è il moltiplicarsi dei servizi, con tanto marketing digitale: dalle polizze assicurative per l'assistenza sanitaria o contro i danni a terzi, fino alle consegne a domicilio di cibo per animali acquistato on line, gli asili o le pensioni per cani e gatti, o la cremazione dei corpi dei propri animali, con urne cinerarie apposite.

Ci sono gli accessori più disparati: passeggini, seggioloni, letti, posate, cinture di sicurezza per viaggiare in auto e in moto, ciotole, divani, trasportini, pettini e spazzole, cosmetici, perfino palestre, tapis roulant, spazzolini da denti e grattatori automatici, oltre a tiragraffi, ruotine, acquari con ogni scenario, gabbiette e tappeti. Il collare di Gucci o il guinzaglio di Louis Vuitton fino a piumini, vestitini da cerimonia con perline, strass e collo in pelliccia (ecologico), felpe, gonne, salopette, cappottini anche di cachemire, impermeabili, maglioni, scarpine, pigiamini. Gli animali domestici sono entrati nelle vite degli umani a tal punto che importanti pneumologi o cardiologi, all'insorgere di problemi bronchiali o cardiaci, sono soliti consigliare ai pazienti anziani l'acquisto di un cane, per migliorare l'apparato cardio-respiratorio e provando a rinviare il ricorso a medicinali più invasivi. «Molto spesso prescrivo l'adozione o l'acquisto di un animale domestico, in genere di un cane, proprio come terapia per curare forme di depressione. Con un cane», racconta il professor Mansi, «ti apri al mondo, è una terapia formidabile perché, ripeto, entri in contatto con le diversità. Impari il linguaggio degli animali, sei attento, diventi competente del tuo cane, delle sue e delle tue sfumature interne. Fai attenzione a qualcosa che ti è vicino ed è vivente».
In sostanza, c'è una bella differenza tra lo stare attenti a un essere che è vivo e imprevedibile, e invece guardare 70 volte al giorno il cellulare. Il cane ci porta fuori, a contatto col naturale, ci fa vivere in un mondo dove possono esserci elementi imprevedibili, e questo è un bene per tutte le nostre mille paure. «In dottrina si è constatato come gli animali abbiano una funzione rilassante e sedativa. Ti fanno muovere e hanno la capacità di ridurre il tuo battito cardiaco, effetto utilissimo per chi soffre di tachicardia o pressione alta» aggiunge Mansi. «Il cane ti costringe a uscire di casa anche quando ci sono cinque gradi sotto zero, a camminare nei giardini, nei prati, a parlare con lui e con gli altri padroni di cani. Tutte cose che non vorresti mai fare ex ante, ma che sei contento di aver fatto ex post» aggiunge Mansi convinto che gli animali ci facciano il regalo più bello: recuperare la dimensione del gioco perduta.

 

 

Coworking: sempre più uno state of mind<img alt="" src="/society/PublishingImages/SOCIETY%20coworking.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/coworking.aspxCoworking: sempre più uno state of mindNon solo per liberi professionisti. I luoghi di lavoro condiviso sono scelti sempre più anche dalle aziende che ne sfruttano la tendenza alla contaminazione culturale e la propensione al cambiamento. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Cristina Maccarrone2019-05-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L’industria 4.0 passa dall’HR<img alt="" src="/society/PublishingImages/hr%20digitale.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/hr-digitale.aspxL’industria 4.0 passa dall’HRUna ricerca Gartner mette la funzione risorse umane al centro dello sviluppo della cultura del digitale all'interno delle aziende. L’Italia è pronta al cambiamento?GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2019-05-14T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L’etica diventa un hashtag social <img alt="" src="/technology/PublishingImages/social%20etica.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/social-etica.aspxL’etica diventa un hashtag social Nei suoi primi 25 anni di vita Internet si è sviluppato come un’unica nazione, con un'unica religione e un’unica cultura. Ma le culture, le etnie e le religioni sono tante. Ora bisogna costruire un codice della strada condiviso. GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Claudio Plazzotta2019-05-05T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Via le auto dal centro città<img alt="" src="/society/PublishingImages/Society%20centri%20chiusi.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/centri-chiusi.aspxVia le auto dal centro cittàI continui annunci sulle chiusure dei centri cittadini al traffico veicolare rappresentano spesso dei palliativi che non tengono conto del progresso tecnologico. Ecco perché.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Rosario Murgida2019-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: dalla mission al purpose<img alt="" src="/society/PublishingImages/Society%20purpose.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/purpose.aspxAziende: dalla mission al purposeNon più solo profitto. Avere un impatto positivo sulla società circostante, migliorando il benessere sociale e ambientale di clienti e investitori è l’obiettivo dell’economia intangibile.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Elena Comelli2019-04-28T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Anziani, primo welfare d’Italia <img alt="" src="/society/PublishingImages/anziani%20welfare.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/anziani-welfare.aspxAnziani, primo welfare d’Italia Mantenere attivi gli over 65 è la priorità dell’Unione europea. Politiche sociali e iniziative come il cohousing e l’educazione intergenerazionale sono una buona risposta. Per migliorare la salute.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-10-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Sorridi, sei al lavoro<img alt="" src="/society/PublishingImages/manager%20della%20felicità.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-manager-felicita.aspxSorridi, sei al lavoroI dipendenti felici producono di più e sono più creativi. Ad imparare la lezione per prime sono state le aziende americane come Google. E oggi sono sempre più numerose quelle che hanno al loro interno un manager della felicità. Cosa accade in Italia.GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-05-01T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Aziende: sfida re-generation<img alt="" src="/society/PublishingImages/formazione%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/aziende-personale-sfida-regeneration-.aspxAziende: sfida re-generationNel 2034 gli over 50 nelle aziende italiane saranno 23 milioni. Le imprese si preparano all'invecchiamento della popolazione aziendale con politiche di active ageing e formazione.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-03-13T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD