Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Close to you > L’Italia dal welfare a più velocità

 L’Italia dal welfare a più velocità

Close to you

 Secondo una ricerca Istat ci sono forti differenze nell’accesso a cure mediche e assistenza fra le classi sociali, il Nord e il Sud. Ne ha parlato il presidente Giorgio Alleva al convegno sul welfare organizzato da Unipol in collaborazione con UniSalute.

​Un’Italia a più velocità, sempre più diseguale sia a causa delle differenze fra le diverse classi sociali sia per quanto riguardo lo storico divario fra aree geografiche. Anche quando si tratta di welfare risulta difficile, se non impossibile, parlare di un solo Paese.

A dimostrarlo la ricerca condotta dall’Istat “Gruppi sociali e welfare state: una lettura integrata dei dati” e presentata dal presidente Giorgio Alleva nel corso del convegno “A ciascuno il suo welfare. Bisogni mutevoli, scelte individuali, risposte integrate” organizzato da Unipol in collaborazione con UniSalute.

Il documento analizza le differenze al ricorso dei servizi di welfare e assistenza fra nove gruppi sociali individuati dall’istituto: i giovani blue-collar (operai a tempo indeterminato sui 45 anni) e le famiglie a basso reddito, di soli italiani o con stranieri; le famiglie di impiegati (secondo gruppo più numeroso con 4 milioni e mezzo), di operai in pensione (il nucleo più numeroso con quasi 6 milioni) e le famiglie tradizionali della provincia; un gruppo a basso reddito di anziane sole e di giovani disoccupati; e infine le pensioni d'argento e la classe dirigente.

Il primo elemento che emerge è che il 75,6% degli italiani che appartengono alla classe dirigente si dichiara in buona salute e come questa percentuale cali man mano che si prendono in considerazione le classi sociali meno abbienti fino ad arrivare al valore più basso, il 60,5%, fra gli anziani soli e i giovani disoccupati. Il report mette in evidenza, inoltre, una minore presenza di malattie croniche fra le famiglie con stranieri e nella classe dirigente.
Le condizioni economiche, inoltre, influenzano il ricorso a cure mediche e a esami specialistici: in generale si nota che soltanto un’italiana su cinque appartenente alle famiglie e a basso reddito ha effettuato una mammografia negli ultimi due anni. Anche in questo caso la percentuale aumenta salendo la scala sociale. Inoltre la percentuale più alta di persone che negli ultimi 12 mesi hanno dichiarato di non aver potuto effettuare esami o cure mediche per problemi economici è più alta nelle famiglie a basso reddito con stranieri (21%), nelle famiglie a basso reddito di soli italiani (20,2%) e fra le anziane sole e i giovani disoccupati (17,2%).

«Anche su questo tema – sottolinea Alleva – è possibile evidenziare la tipica divisione fra Nord e Sud del Paese». Per esempio basta guardare all’offerta di servizi sociali: solo il 9% dei Comuni italiani risultano virtuosi per quanto riguarda il livello di spesa e disponibilità e quasi tutti si trovano al Centro-Nord, con qualche rara eccezione. La metà dei Comuni offre invece standard considerati medio bassi o addirittura insufficienti: i dati peggiori si registrano nel Meridione. Inoltre, si sottolinea nel rapporto, le disuguaglianze territoriali sono aumentate.



Su questo scenario, infine, si inserisce una tipica fragilità del nostro Paese – ma a ben guardare di tutte le economie avanzate – ovvero l’invecchiamento della popolazione. Basta guardare all’indice di vecchiaia, ovvero al rapporto fra gli over 65 e la popolazione con età compresa fra 0 e 14 anni, moltiplicato per 100.  Nel 2017 è arrivato a 165,3: in pratica in Italia ci sono molti più anziani che giovani e il trend di sbilanciamento è in continua crescita. Si pensi che a questo ritmo nel 2065 si toccherà il valore di 257,9. Gli effetti? Presto detto. Le pensioni e i servizi assistenziali sono pagati dalla popolazione in attività: se questa è di molto inferiore a quella che fruisce dei servizi il sistema rischia di non essere sostenibile. Lo si evince dall’indice di dipendenza strutturale che rappresenta il numero di individui non autonomi ogni 100 individui potenzialmente attivi. Più alto è l’indice più elevato è il numero di individui giovanissimi e anziani di cui la popolazione attiva dovrà occuparsi. In Italia registriamo l’indice più alto d’Europa (55,8). Nel 2065 sarà quasi il doppio, 82,8.

 

 

Il clima più caldo impoverirà la nostra tavola<img alt="" src="/well-being/PublishingImages/banca%20germoplasma.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/well-being/Pagine/banca-germoplasma.aspxIl clima più caldo impoverirà la nostra tavolaL’aumento delle temperature avrà effetti negativi anche sulle specie vegetali, non solo quelle selvatiche. A rischio in particolare la resa dei cereali. Ne abbiamo parlato con gli esperti del Cnr.GP0|#70455d54-ef66-43b5-a7d9-756d5ecaf4f6;L0|#070455d54-ef66-43b5-a7d9-756d5ecaf4f6|Well Being;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2018-01-07T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
La smart city si regge sulla condivisione<img alt="" src="/sharing/PublishingImages/smart%20city.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/sharing/Pagine/città-del-futuro.aspxLa smart city si regge sulla condivisioneAltro che atmosfere lugubri e opprimenti, tipiche di molte descrizioni cinematografiche: le città del futuro sono progettate per essere connesse, sostenibili e condivise con al centro l’uomo e le sue esigenze. GP0|#07c23904-6676-40b2-abaf-7024f6aad711;L0|#007c23904-6676-40b2-abaf-7024f6aad711|Sharing;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2018-01-01T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il welfare del futuro? Sarà pubblico-privato<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/welfare%20boeri.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/welfare-boeri.aspxIl welfare del futuro? Sarà pubblico-privatoSoltanto una nuova strategia che coinvolga Stato, imprese e cittadini potrà rendere il settore assistenziale sostenibile. Ne sono convinti il presidente Inps, Tito Boeri e l’ad Unipol, Carlo Cimbri, intervenuti al convegno “A ciascuno il suo welfare”.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2017-12-11T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Europa: a ciascuno il suo Welfare<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/welfare%20italia.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/welfare-italia.aspxEuropa: a ciascuno il suo WelfareDalle pensioni all’assistenza sanitaria la sfida di un modello sostenibile per un Continente sempre più “Vecchio”. Se ne parla a Roma all’edizione 2017 di “Welfare, Italia” organizzato dal Gruppo Unipol.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2017-11-29T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
L’elisir di lunga vita esiste <img alt="" src="/well-being/PublishingImages/elisir%20di%20lunga%20vita.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/well-being/Pagine/elisir-lunga-vita-.aspxL’elisir di lunga vita esiste Sono tanti gli scienziati convinti di riuscire a trovare il farmaco per l’immortalità. Nel frattempo il cibo e una buona alimentazione sono la prima difesa anti aging. Changes ne ha parlato con Valter Longo.GP0|#70455d54-ef66-43b5-a7d9-756d5ecaf4f6;L0|#070455d54-ef66-43b5-a7d9-756d5ecaf4f6|Well Being;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2017-11-22T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Date il tempo alle città di vivere meglio<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/citta%20salute%20cucinella.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/cucinella-architettura.aspxDate il tempo alle città di vivere meglioProgetta edifici sostenibili per migliorare la qualità della vita delle persone. Mario Cucinella spiega a Changes come l’architettura possa diventare racconto, cultura e ispirazione economica di una società.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Mario Cucinella2016-11-28T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Abbiamo una storia da raccontare<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/editoriale%20changes%20unipol%20federici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-federici.aspxAbbiamo una storia da raccontareLa nascita di un nuovo progetto di comunicazione è una sfida esaltante, sempre. Ma lo è ancora di più oggi in un contesto in cui, grazie al digitale, è possibile misurare in tempo reale il valore di ogni nostra azione. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Alberto Federici2016-11-15T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Benvenuti in Changes Unipol<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/changes%20unipol%20editoriale%20vacarini.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-vacarini.aspxBenvenuti in Changes UnipolIl modo di comunicare sta cambiando e per certi versi non è ancora chiaro quali saranno le evoluzioni dei prossimi anni. Abbiamo un’unica certezza: gli stereotipi con cui abbiamo ragionato fino ad oggi non sono più validi. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2016-11-15T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD