Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Close to you > La violenza sulle donne: problema culturale

 La violenza sulle donne: problema culturale

Close to you

 In Italia si registra un femminicidio ogni tre giorni. La prevenzione, fin dalla più tenera età, è imprescindibile e passa attraverso una corretta formazione. Changes ne ha parlato con Monica D’Ascenzo.

​​Un bollettino di guerra con migliaia di vittime segnate per sempre nel corpo e nell'anima. Sono 6 milioni 788 mila, secondo gli ultimi dati disponibili forniti dall'Istat, le donne italiane di età compresa fra i 17 e 70 anni che hanno subito una qualche forma di violenza. Stiamo parlando di quasi una donna su tre. Sono invece 4 milioni e 400 mila quelle che hanno ammesso di aver vissuto una relazione nella quale il filo conduttore era la prevaricazione psicologica da parte del partner. Se si guarda poi alle statistiche relative ai "caduti", ovvero di chi ha perso la vita soltanto per il fatto di aver dato la propria fiducia e il proprio affetto alla persona sbagliata, si scopre che in Italia, secondo Eures, le donne uccise ogni anno sono in media 115, ovvero una ogni tre giorni. Questi numeri rappresentano lo specchio di un'emergenza sociale che soltanto da qualche anno a questa parte inizia a essere presa in seria considerazione dall'opinione pubblica e soprattutto dalla politica.

Il fenomeno della violenza sulle donne non può essere trattato e analizzato esclusivamente come un semplice "reato contro la persona" visto e considerato che affonda profondamene le proprie radici in una sorta di subcultura "farcita" di pregiudizi molto diffusi e in particolare sull'errata convinzione che la donna debba sempre e comunque occupare un ruolo, nel lavoro o in famiglia, subalterno. Un retaggio tanto radicato in alcune persone che spesso è molto difficile, sia per gli uomini sia spesso per le donne, rendersi conto di stare esercitando o subendo una qualsiasi forma di violenza e di violazione di diritti che dovrebbero ormai essere considerati universali. Per questo motivo nella settimana fra il 19 e il 23 novembre 2018, in vista del 25 novembre, Giornata contro la violenza sulle donne, a tutti i dipendenti Unipol e Camst è stato distribuito il quaderno Exit-Uscite di sicurezza dalla violenza  realizzato in collaborazione con D.i.Re. Exit, corredato dalle illustrazioni di Stefania Spanò: una sorta di vademecum che raccoglie appunti e consigli utili per la prevenzione e il contrasto dei maltrattementi ai danni del genere femminile.

Il femminicidio, oltre che un'emergenza sociale, ha un costo, dal punto di vista puramente economico, elevatissimo. Ce lo ricorda la giornalista del Sole 24 Ore, Monica D'Ascenzo, ideatrice e responsabile del blog Alley Oop-L'altra metà del Sole, dedicato alla diversity. «Ovviamente sono abituata ad affrontare questo tema nell'ambito del mio lavoro adottando il punto di vista tipico del giornalista finanziario, partendo in primo luogo dai numeri. Un approccio che ci ha consentito di realizzare per il  25 novembre dell'anno scorso l'e-book Ho detto no. Ricordo una cifra davvero impressionante: secondo l'analisi di Eige, l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, il costo annuo in Italia delle violenze sulle donne è quantificabile in 26,5 miliardi di euro, quasi quanto una finanziaria».

«L'e-book, che ha avuto il patrocinio del dipartimento per le Pari opportunità presso la presidenza del Consiglio con la prefazione dell'allora ministro Maria Elena Boschi – continua la giornalista - non contiene solo numeri ma anche alcune storie. Dall'analisi del fenomeno ormai strutturale e delle sue manifestazioni, il lavoro delle autrici passa ad esaminare le azioni necessarie da mettere in atto per sanare il problema. Una componente fondamentale nella strategia della lotta alla violenza femminile è senz'altro la formazione, perché da madre posso dire che la prevenzione inizia dalla scuola materna e passa anche attraverso una corretta stesura dei libri di testo che dovrebbero essere redatti in modo da evitare pregiudizi di genere. Nell'ambito scolastico, poi, un ruolo chiave è quello dei docenti che devono essere sensibilizzati e formati. Qualcosa si è mosso con l'introduzione dell'educazione di genere nelle scuole, ma siamo solo all'inizio di un percorso ancora lungo».

E infine come non ricordare il ruolo della stampa e dei mezzi di comunicazione di massa che hanno il dovere di trattare questi argomenti usando un linguaggio adeguato. «Anche in questo caso – conclude D'Ascenzo – sarebbe necessario lavorare sulla formazione. Spesso si leggono espressioni come "raptus" o "omicidio passionale" riferendosi a un femminicidio maturato nell'ambito di una relazione da lungo tempo improntata sulla violenza e la prevaricazione. Esistono dei codici verbali adeguati e bisognerebbe che chi si occupa di scrivere argomenti li conoscesse e soprattutto li adoperasse con l'obiettivo di evitare in primo luogo qualsiasi allusione a una corresponsabilità della vittima».​

 

 

L’economia che non si tocca, ma si sente<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/changes%20magazine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-changes.aspxL’economia che non si tocca, ma si senteDesign, branding, ricerca, tecnologia, formazione e cultura aziendale. Sono tutti asset che non rientrano nella definizione di “capitale” tradizionale, ma che contano nei bilanci. Il terzo numero di Changes affronta la rivoluzione degli intangibili.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2019-05-09T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Brand journalism: chi era costui?<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/brand%20journalism.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/brand-journalism-unipol.aspxBrand journalism: chi era costui?La scelta del Gruppo Unipol è frutto della mediazione tra giornalismo tradizionale e pubbliche relazioni, partendo dalla base solida degli Osservatori aziendali. Ne abbiamo parlato all’International Journalism Festival.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2019-04-04T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Big data: minori indifesi<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/privavy%20digitale%20minori.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/big-data-privacy-minori.aspxBig data: minori indifesiCrescono le criticità sulla crescente raccolta e sullo sfruttamento commerciale dei dati dei bambini. Come difendere la privacy? Changes ne ha parlato con Veronica Barassi, autrice di Home life data and children’s privacy.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberta Caffaratti2019-03-28T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Anziani “vittime designate” della strada<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/sicurezza%20stradale%20anziani.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/sicurezza-stradale.aspxAnziani “vittime designate” della stradaSecondo una ricerca condotta dalla Fondazione Unipolis il maggior numero di morti si conta fra gli over 65. Se non si interviene entro il 2050 sarà emergenza.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fausto Sacchelli2019-03-25T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il futuro comincia oggi<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/osservatorio%20unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/Osservatorio-Unipol-2019.aspxIl futuro comincia oggiIl Gruppo Unipol ha una finestra aperta sul mondo che cambia con l’Osservatorio Reputational & Emerging risk. La nuova mappa si arricchisce di tre macro trend: intangibles, dark side della tecnologia e uomo aumentato.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Liliana Cavatorta2019-01-31T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Manager a scuola d’arte<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/arte%20e%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/arte-in-azienda.aspxManager a scuola d’arteNon solo passione, mecenatismo o immagine. L’esempio degli artisti diventa uno strumento per l'organizzazione d’impresa, per fare formazione e creare uno spirito di squadra e di appartenenza.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-06-14T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Rischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovani<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/giovani%20e%20assicurazioni.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/assicurazioni-cosa-pensano-i-giovani.aspxRischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovaniPiù consapevoli e più preoccupati del futuro, gli italiani tra i 18 e i 24 anni sono positivi nei confronti delle assicurazioni, anche se nel campo dell'educazione c’è ancora tanto da fare. I risultati della ricerca Eumetra Monterosa per Gruppo Unipol. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Redazione LifeGate2017-04-10T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Auto, racconti dal futuro<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/auto%20futuro%20racconto.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/Auto-del-futuro.aspxAuto, racconti dal futuroI veicoli automatizzati, parzialmente o totalmente autonomi possono sembrare fantascienza. In realtà sono già parte del nostro presente e costituiranno la norma nel nostro futuro prossimo.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Ernesto Gallarato2017-05-17T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD