Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Close to you > Verso una robotica animata

 Verso una robotica animata

Close to you

 RICERCA E CAMBIAMENTO A CUBO UNIPOL – Le macchine molecolari possono diventare muscoli artificiali per autonomi sempre più simili agli esseri umani.

​​​​​Imitare le cellule del corpo umano, per umanizzare anche i robot. E riprodurre - in laboratorio - quei nanodispositivi che ci tengono in vita, ma se replicati, potrebbero regalarla anche alle macchine inanimate. A giudicare dalle premesse, le macchine molecolari potrebbero sembrare il sogno nel cassetto di appassionati di fantascienza e serie distopiche. Eppure, il futuro dell'umanità potrebbe dipendere anche dalla riproduzione di queste nanoparticelle. Veri e propri motorini cellulari, e naturali, che consentono al corpo umano di muoversi, stimolando le fibre muscolari ad attivarsi, per generare moto e attività. «Se riprodotti in laboratorio, con semplici sostanze che si trovano in drogheria, questi motorini organici potrebbero diventare muscoli artificiali per la robotica», spiega a Changes Alberto Credi, docente di Chimica all'Università di Bologna e direttore del CLAN, laboratorio per la ricerca chimica supramolecolare e le nanoscienze.

«La macchina molecolare è un organismo 100 mila volte più piccolo di un capello, che però assicura le funzioni vitali più importanti. Dentro il muscolo di una gamba ci sono fibre di dimensioni millimetriche. Ma se ingrandiamo, e arriviamo alle molecole, ne vediamo un paio che si tirano l'una con l'altra, innescando il moto necessario per generare movimento. Un muscolo non è altro che miliardi di macchine molecolari che lavorano assieme», ragiona Credi, uno dei ricercatori del panel dell'evento "Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori 2018", ospitato a Bologna presso il museo d'impresa CUBO del Gruppo Unipol il 25 settembre 2018. Dall'imitazione dei microrganismi che garantiscono funzioni vitali nel corpo umano, così, potrebbero discendere benefici concreti per la robotica, sottolinea il docente  nel corso del suo intervento dal titolo "Macchine molecolari: realtà o fantascienza?".

 «Un ambito di ricerca promettente riguarda la ricostruzione di veri e propri muscoli artificiali. Riproducendo una macchina molecolare organica, ma composta da polimeri plastici in grado di muoversi e allungarsi, potremmo pensare di muovere un dispositivo a comando nel campo della robotica». Ad ogni modo imitare il corpo umano per umanizzare i robot e le macchine, potrebbe schiudere nuove opportunità di ricerca per l'uomo stesso, nell'ambito del settore biomedico. «Nell'organismo umano le macchine molecolari trasportano anche sostanze da un punto all'altro di una stessa cellula. Se costruissi una macchina molecolare artificiale, potrei pensare di curare una cellula che sta male, ad esempio, adoperando l'organismo sintetico per veicolare un farmaco», ragiona Alberto Credi.

 Le potenzialità delle macchine molecolari si sono imposte al grande pubblico non più tardi dell'ottobre di due anni fa, quando il Premio Nobel per la Chimica fu assegnato al trio Sauvage, Stoddart e Feringa per la loro progettazione e produzione di macchine molecolari. I tre ricercatori svilupparono appunto molecole con movimenti controllabili, in grado di svolgere un compito quando a queste si fosse aggiunta energia. «L'obiettivo resta quello di esercitare un movimento in maniera controllata, all'interno di un microrganismo di dimensioni ridottissime, perciò senza usare un motore elettrico. Si stanno già realizzando attuatori meccanici per la robotica - composti da centimetri di plastica - in Francia e in Olanda. Anche a Bologna abbiamo un progetto europeo in corso. Puntiamo a ripetere sulle macchine, i principi che ispirano i movimenti del corpo umano.  Costruendo motorini molecolari, in miniatura, ancor più efficienti di quelli macroscopici, che vediamo sulle nostre strade».

 

 

 

L’economia che non si tocca, ma si sente<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/changes%20magazine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-changes.aspxL’economia che non si tocca, ma si senteDesign, branding, ricerca, tecnologia, formazione e cultura aziendale. Sono tutti asset che non rientrano nella definizione di “capitale” tradizionale, ma che contano nei bilanci. Il terzo numero di Changes affronta la rivoluzione degli intangibili.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2019-05-09T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Gli spazzini del web<img alt="" src="/technology/PublishingImages/Technology%20spazzini%20del%20web.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/spazzini-del-web.aspxGli spazzini del webChi sono e come lavorano gli scopritori di contenuti Internet che disturbano gli utenti o infrangono la legge. Cosa c’è dietro The Cleaners - Quello che i social non dicono, documentario firmato da Hans Block e Moritz Riesewieck.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2019-04-22T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Brand journalism: chi era costui?<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/brand%20journalism.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/brand-journalism-unipol.aspxBrand journalism: chi era costui?La scelta del Gruppo Unipol è frutto della mediazione tra giornalismo tradizionale e pubbliche relazioni, partendo dalla base solida degli Osservatori aziendali. Ne abbiamo parlato all’International Journalism Festival.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2019-04-04T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Big data: minori indifesi<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/privavy%20digitale%20minori.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/big-data-privacy-minori.aspxBig data: minori indifesiCrescono le criticità sulla crescente raccolta e sullo sfruttamento commerciale dei dati dei bambini. Come difendere la privacy? Changes ne ha parlato con Veronica Barassi, autrice di Home life data and children’s privacy.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberta Caffaratti2019-03-28T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
I robot amici al servizio dell’uomo<img alt="" src="/technology/PublishingImages/robot%20amici%20uomo.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/robot-amici.aspxI robot amici al servizio dell’uomoIl futuro a tinte fosche che vede l’essere umano contrapposto alle macchine, è smentito da tutta una serie di invenzioni che promettono di rendere la nostra esistenza più semplice e sicura grazie all’intelligenza artificiale.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Roberto Valguarnera2019-03-26T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Manager a scuola d’arte<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/arte%20e%20aziende.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/arte-in-azienda.aspxManager a scuola d’arteNon solo passione, mecenatismo o immagine. L’esempio degli artisti diventa uno strumento per l'organizzazione d’impresa, per fare formazione e creare uno spirito di squadra e di appartenenza.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nadia Anzani2017-06-14T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Rischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovani<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/giovani%20e%20assicurazioni.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/assicurazioni-cosa-pensano-i-giovani.aspxRischio e cultura assicurativa: come la vedono i giovaniPiù consapevoli e più preoccupati del futuro, gli italiani tra i 18 e i 24 anni sono positivi nei confronti delle assicurazioni, anche se nel campo dell'educazione c’è ancora tanto da fare. I risultati della ricerca Eumetra Monterosa per Gruppo Unipol. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Redazione LifeGate2017-04-10T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Auto, racconti dal futuro<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/auto%20futuro%20racconto.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/Auto-del-futuro.aspxAuto, racconti dal futuroI veicoli automatizzati, parzialmente o totalmente autonomi possono sembrare fantascienza. In realtà sono già parte del nostro presente e costituiranno la norma nel nostro futuro prossimo.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Ernesto Gallarato2017-05-17T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD