Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > Close to you > Verso una robotica animata

 Verso una robotica animata

Close to you

 RICERCA E CAMBIAMENTO A CUBO UNIPOL – Le macchine molecolari possono diventare muscoli artificiali per autonomi sempre più simili agli esseri umani.

​​​​​Imitare le cellule del corpo umano, per umanizzare anche i robot. E riprodurre - in laboratorio - quei nanodispositivi che ci tengono in vita, ma se replicati, potrebbero regalarla anche alle macchine inanimate. A giudicare dalle premesse, le macchine molecolari potrebbero sembrare il sogno nel cassetto di appassionati di fantascienza e serie distopiche. Eppure, il futuro dell'umanità potrebbe dipendere anche dalla riproduzione di queste nanoparticelle. Veri e propri motorini cellulari, e naturali, che consentono al corpo umano di muoversi, stimolando le fibre muscolari ad attivarsi, per generare moto e attività. «Se riprodotti in laboratorio, con semplici sostanze che si trovano in drogheria, questi motorini organici potrebbero diventare muscoli artificiali per la robotica», spiega a Changes Alberto Credi, docente di Chimica all'Università di Bologna e direttore del CLAN, laboratorio per la ricerca chimica supramolecolare e le nanoscienze.

«La macchina molecolare è un organismo 100 mila volte più piccolo di un capello, che però assicura le funzioni vitali più importanti. Dentro il muscolo di una gamba ci sono fibre di dimensioni millimetriche. Ma se ingrandiamo, e arriviamo alle molecole, ne vediamo un paio che si tirano l'una con l'altra, innescando il moto necessario per generare movimento. Un muscolo non è altro che miliardi di macchine molecolari che lavorano assieme», ragiona Credi, uno dei ricercatori del panel dell'evento "Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori 2018", ospitato a Bologna presso il museo d'impresa CUBO del Gruppo Unipol il 25 settembre 2018. Dall'imitazione dei microrganismi che garantiscono funzioni vitali nel corpo umano, così, potrebbero discendere benefici concreti per la robotica, sottolinea il docente  nel corso del suo intervento dal titolo "Macchine molecolari: realtà o fantascienza?".

 «Un ambito di ricerca promettente riguarda la ricostruzione di veri e propri muscoli artificiali. Riproducendo una macchina molecolare organica, ma composta da polimeri plastici in grado di muoversi e allungarsi, potremmo pensare di muovere un dispositivo a comando nel campo della robotica». Ad ogni modo imitare il corpo umano per umanizzare i robot e le macchine, potrebbe schiudere nuove opportunità di ricerca per l'uomo stesso, nell'ambito del settore biomedico. «Nell'organismo umano le macchine molecolari trasportano anche sostanze da un punto all'altro di una stessa cellula. Se costruissi una macchina molecolare artificiale, potrei pensare di curare una cellula che sta male, ad esempio, adoperando l'organismo sintetico per veicolare un farmaco», ragiona Alberto Credi.

 Le potenzialità delle macchine molecolari si sono imposte al grande pubblico non più tardi dell'ottobre di due anni fa, quando il Premio Nobel per la Chimica fu assegnato al trio Sauvage, Stoddart e Feringa per la loro progettazione e produzione di macchine molecolari. I tre ricercatori svilupparono appunto molecole con movimenti controllabili, in grado di svolgere un compito quando a queste si fosse aggiunta energia. «L'obiettivo resta quello di esercitare un movimento in maniera controllata, all'interno di un microrganismo di dimensioni ridottissime, perciò senza usare un motore elettrico. Si stanno già realizzando attuatori meccanici per la robotica - composti da centimetri di plastica - in Francia e in Olanda. Anche a Bologna abbiamo un progetto europeo in corso. Puntiamo a ripetere sulle macchine, i principi che ispirano i movimenti del corpo umano.  Costruendo motorini molecolari, in miniatura, ancor più efficienti di quelli macroscopici, che vediamo sulle nostre strade».

 

 

 

L’etica della guida autonoma<img alt="" src="/technology/PublishingImages/guida%20autonoma.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/etica-guida.aspxL’etica della guida autonomaCome funziona l’interruttore che installato sulle auto robot consente al conducente di scegliere tra tre opzioni: egoista, altruista, o imparziale. Un’idea tutta made in Italy.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2019-03-12T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Dark Web a due velocità<img alt="" src="/technology/PublishingImages/dark%20web.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/dark-web.aspxDark Web a due velocitàC’è un’altra faccia della Rete, nascosta sebbene accessibile a tutti, formalmente anonima e incontrollata. Il volto oscuro oggi prevale sui nobili fini che l’hanno ispirata.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2019-02-19T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Il futuro comincia oggi<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/osservatorio%20unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/Osservatorio-Unipol-2019.aspxIl futuro comincia oggiIl Gruppo Unipol ha una finestra aperta sul mondo che cambia con l’Osservatorio Reputational & Emerging risk. La nuova mappa si arricchisce di tre macro trend: intangibles, dark side della tecnologia e uomo aumentato.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Liliana Cavatorta2019-01-31T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Industria 4.0: servono filosofi<img alt="" src="/society/PublishingImages/globalizzazione%204.0.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/society/Pagine/davos.aspxIndustria 4.0: servono filosofiAl centro del World Economic Forum 2019 ci sono le soft skills che possono consentire di tenere il passo con l’automazione e i robot. GP0|#2ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00;L0|#02ff1322d-0fe7-46e4-98d7-1a40e87f4c00|Society 3.0;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2019-01-21T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Prepariamoci al 5G<img alt="" src="/technology/PublishingImages/Ces%202019%20avvio%205G.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/technology/Pagine/ces.aspxPrepariamoci al 5GAl CES di Las Vegas sono andate in scena le tecnologie più innovative che sono destinate a cambiare la nostra vita nei prossimi anni. Ma per il 2019 l’unica vera novità è l’addio al 4G.GP0|#0cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab;L0|#00cc31cd1-1f25-4af6-853d-a6e3166be9ab|Technology;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Nicola Di Turi2019-01-14T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Date il tempo alle città di vivere meglio<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/citta%20salute%20cucinella.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/cucinella-architettura.aspxDate il tempo alle città di vivere meglioProgetta edifici sostenibili per migliorare la qualità della vita delle persone. Mario Cucinella spiega a Changes come l’architettura possa diventare racconto, cultura e ispirazione economica di una società.GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Mario Cucinella2016-11-28T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Abbiamo una storia da raccontare<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/editoriale%20changes%20unipol%20federici.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-federici.aspxAbbiamo una storia da raccontareLa nascita di un nuovo progetto di comunicazione è una sfida esaltante, sempre. Ma lo è ancora di più oggi in un contesto in cui, grazie al digitale, è possibile misurare in tempo reale il valore di ogni nostra azione. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Alberto Federici2016-11-15T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Benvenuti in Changes Unipol<img alt="" src="/close-to-you/PublishingImages/changes%20unipol%20editoriale%20vacarini.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/close-to-you/Pagine/editoriale-vacarini.aspxBenvenuti in Changes UnipolIl modo di comunicare sta cambiando e per certi versi non è ancora chiaro quali saranno le evoluzioni dei prossimi anni. Abbiamo un’unica certezza: gli stereotipi con cui abbiamo ragionato fino ad oggi non sono più validi. GP0|#884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da;L0|#0884101ce-54ef-454e-bee5-326bcd6381da|Close to you;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2016-11-15T23:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD