Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.
Changes - il magazine del Gruppo Unipol > UNHCR > Un esodo senza fine

 Un esodo senza fine

UNHCR

 La guerra e la violenza costringono oggi 65,6 milioni di rifugiati e sfollati in tutto il mondo a vivere lontani dalle proprie case, in condizioni spesso drammatiche. La cifra non è mai stata così alta.

​​​​​​​​​​​Sono oltre 65,6 milioni i rifugiati e gli sfollati in tutto il mondo. In media, nel mondo, 1 persona ogni 113 è sfollata – vale a dire un numero maggiore del 21esimo paese più popolato al mondo, la Gran Bretagna.​ È la fotografia che emerge dal rapporto Global Trends presentato a Roma dall'UNHCR in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato è drammatica.

Nel 2016, sono stati 10,3 milioni i nuovi migranti forzati, circa due terzi di loro - 6,9 milioni - sono fuggiti all'interno dei confini nazionali. Questo significa che nel mondo ogni 3 secondi 1 persona è costretta ad abbandonare la propria casa. I bambini costituiscono la metà dei rifugiati del mondo e continuano a sopportare sofferenze enormi, soprattutto a causa della loro situazione di maggiore vulnerabilità.

La Siria si conferma il paese con il numero più alto di persone in fuga: 12 milioni di individui, quasi due terzi della popolazione, sono sfollati all'interno dei confine nazionali o fuggiti all'estero come rifugiati o richiedenti asilo. Gli afghani rappresentano anche quest'anno la seconda popolazione di rifugiati più vasta, 4,7 milioni, seguiti da iracheni con 4,2 milioni e sud sudanesi - il cui numero ha raggiunto i 3,3 milioni alla fine dell'anno, facendo registrare un tasso di incremento maggiore rispetto a qualsiasi altra popolazione del mondo.


Il totale di 65,6 milioni è costituito da tre componenti, a partire dal numero dei rifugiati, che si attesta a 22,5 milioni, il più alto mai registrato. Il conflitto in Siria rimane la principale causa di origine di rifugiati (5,5 milioni), ma nel 2016 il principale nuovo elemento è stato il Sud Sudan, dove la disastrosa interruzione del processo di pace ha contribuito alla fuga di 739.900 persone alla fine dell'anno (diventate, ad oggi, 1,87 milioni). Dall'altro, vi sono le persone sfollate all'interno del proprio paese, il cui numero si è attestato a 40,3 milioni alla fine del 2016. La terza componente sono i richiedenti asilo, persone fuggite dal proprio paese e attualmente alla ricerca di protezione internazionale come rifugiati. Alla fine del 2016 il numero di richiedenti asilo a livello mondiale è stato di 2,8 milioni.

La maggior parte dei rifugiati - l'84% - si trova in paesi a basso o medio reddito. Un aspetto essenziale che emerge è la necessità dei paesi e delle comunità ospitanti di ricevere risorse e sostegno, senza i quali c'è il rischio che possano crearsi situazioni di instabilità, con conseguenze sulle operazioni umanitarie o sui flussi migratori secondari.​

 

 

Rifugiati: non lasciamoli soli<img alt="" src="/UNHCR/PublishingImages/UNHCR%20siria%20Unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/UNHCR/Pagine/Unipol-Unhcr-per-i-rifugati.aspxRifugiati: non lasciamoli soliLa Giornata mondiale del rifugiato ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla strada della risoluzione dei conflitti. L’impegno del gruppo Unipol al fianco di UNCHR per fornire cure sanitarie ai siriani che vivono in Libano. GP0|#174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78;L0|#0174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78|UNHCR;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2017-06-18T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

 

 

Un esodo senza fine<img alt="" src="/UNHCR/PublishingImages/UNHCR%20esodo%20senza%20fine.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/UNHCR/Pagine/Rifugiati-global-trend-UNHCR.aspxUn esodo senza fineLa guerra e la violenza costringono oggi 65,6 milioni di rifugiati e sfollati in tutto il mondo a vivere lontani dalle proprie case, in condizioni spesso drammatiche. La cifra non è mai stata così alta.GP0|#174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78;L0|#0174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78|UNHCR;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Carlotta Sami2017-06-19T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it
Rifugiati: non lasciamoli soli<img alt="" src="/UNHCR/PublishingImages/UNHCR%20siria%20Unipol.jpg" style="BORDER:0px solid;" />http://changes.unipol.it/UNHCR/Pagine/Unipol-Unhcr-per-i-rifugati.aspxRifugiati: non lasciamoli soliLa Giornata mondiale del rifugiato ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla strada della risoluzione dei conflitti. L’impegno del gruppo Unipol al fianco di UNCHR per fornire cure sanitarie ai siriani che vivono in Libano. GP0|#174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78;L0|#0174189ec-861e-41ae-b6a7-16b09bea9a78|UNHCR;GTSet|#e62eaae4-ff72-4b5a-a2d7-8fca6c2e6a45Fernando Vacarini2017-06-18T22:00:00Zhttp://changes.unipol.it

SEGUI GRUPPO UNIPOL
TAG CLOUD